Tracollo termico, temperature giù anche di 10 gradi: è una primavera pazza


Tracollo termico in agguato e temperature giù. Un vortice colmo d’aria molto fredda in discesa dal Nord Europa si appresta a interessare il nostro Paese con l’intento di provocare un generale cambiamento sullo scenario climatico. Le temperature potranno calare bruscamente in sole 24 ore. Il vortice di bassa pressione colmo di aria fredda, scrivono gli esperti di ‘IlMeteo.it’. farà sentire i suoi effetti in due fasi fra oggi e domani.

La parte finale del weekend infatti, sarà contrassegnata da una domenica di tempo instabile che porterà già a un netto abbassamento dei termometri specie sul Nord Est e su tutta la fascia adriatica, dove le temperature massime potrebbero calare anche di 7-8°C sotto lo sferzare di venti dei Bora e di Tramontana. Il freddo sarà anche accentuato dal ‘Wind Chill’, quel fenomeno per il quale, in presenza di vento, la temperatura percepita dal nostro corpo risulta essere inferiore di quella reale. Ma le temperature si abbasseranno anche sul resto del Paese nonostante la diminuzione risulterà meno importante grazie al maggior irraggiamento solare. Continua dopo la foto



Un ulteriore e generale raffreddamento si avvertirà altresì con l’inizio della nuova settimana. Domani, complice la fase di brutto tempo che continuerà a colpire soprattutto il Nord Est e il versante adriatico, le temperature massime potrebbero scendere fino a oltre 10 gradi rispetto alle giornate precedenti. Sulle pianure dell’Emilia e del Veneto, ad esempio, si passerà dai 21-22°C del Sabato ai 9-10°C previsti per Lunedì. Continua dopo la foto


Nette differenze anche al Centro, dove, le maggiori diminuzioni, si registreranno in particolar modo sui versanti adriatici, i quali, geograficamente più esposti ai venti freddi nord orientali. Anche qui, dunque, le temperature perderanno parecchi gradi, come del resto sulle regioni meridionali dove le differenze potrebbero risultare anche maggiori se confrontate con i valori decisamente meno freddi misurati nelle giornate di mercoledì e giovedì scorsi. Continua dopo la foto


 


Il mese mariano potrebbe debuttare con sciarpe ed abiti pesanti? Per capire se lo scenario ufficiale del modello europeo è credibile o meno, interpelliamo la media di tutti gli scenari che imbastiscono l’elaborato nostrano per il medesimo lasso temporale, ovvero la notte tra domenica 5 e lunedi 6 maggio. La media degli scenari del modello europeo conferma l’ondata di freddo su gran parte dell’Europa centro-settentrionale, ma non conferma l’entrata dell’isoterma 0° a 1500 metri sulla verticale del nostro Paese.

Ciò significa che, probabilmente, lo scenario ufficiale sta esagerando questa mattina in termini di freddo sull’Italia, anche se l’impianto termo-barico sembra a grandi linee confermato.

Ti potrebbe anche interessare: “10 anni di vita”. Raffaele Sollecito, la sua verità sul delitto Meredith