Meteo, freddo e gelo pronti a marciare sull’Italia. Le previsioni che fanno preoccupare


Stiamo vivendo una situazione piuttosto statica sul nostro Paese, sia dal punto di vista meteorologico, sia da quello climatico. L’Italia al momento è una sorta di “terra di nessuno” in quanto a Nordovest abbiamo una robusta area di alta pressione, che fa comunque sentire la sua influenza anche sul Bel Paese, mentre ad Est, per la precisione sull’area balcanica, affluisce aria piuttosto fredda che al momento accarezza solo le aree più orientali dell’Italia.

Le temperature, dopo la generale diminuzione delle ultime 48 ore, si sono stabilizzate su valori più freddi, specialmente al Centro-Sud. Tuttavia ci sono GRANDI MANOVRE sul Nord Europa, specie sulle zone prossime all’Artico: esse, nei prossimi giorni, potrebbero avere conseguenze anche sul nostro Paese. Vediamo dunque cosa potrebbe accadere. (Continua dopo la foto)



Una delle cause di questi importanti movimenti, scrive il meteo.it, è da attribuire all’alta pressione che, come detto, è presente a sui settori nord-occidentali dell’Italia, ma che in queste ore sta spostando il suo baricentro proprio a Nord dell’Arco alpino. In pratica, si sta verificando il famoso strat-warming (ossia il surriscaldamento anomalo della stratosfera). (Continua dopo la foto)


Già conosciamo gli effetti di questo fenomeno, il quale nello scorso Febbraio causò ben due ondate di Burian sull’Italia, con gelo e neve su molte regioni; non è da escludere quindi che una cosa del genere possa capitare nuovamente nel corso dell’attuale stagione invernale. Ma sarà proprio così? A seguito di un riscaldamento della stratosfera il Vortice Polare (enorme serbatoio gelido posto sopra il Polo Nord) si frantuma in due parti (split del Vortice Polare), indirizzando una parte del freddo normalmente stazionario alle altissime latitudini, verso l’Europa. (Continua dopo la foto)


 

I modelli fisico-matematici, tuttavia, fanno difficoltà a prevedere l’esatta traiettoria dell’aria gelida, che potrebbe piombare sul Mediterraneo anche all’improvviso o con pochi giorni di preavviso, come successe nello storico Gennaio 1985, a seguito di uno strat-warming avvenuto proprio a termine del mese di Dicembre del 1984.

In aggiunta, va tenuto conto che il sole è freddo da circa 300 giorni, ovvero emette meno energiadel normale e secondo alcuni scienziati ciò potrebbe causare dei veri e propri sconvolgimenti climatici. Che si possa ripetere un nuovo evento storico come nel 1985? Sicuramente, la situazione va monitorata attentamente. Per ora i vari centri meteo di previsione a medio e lungo termine intravedono una possibile imponente ondata di freddo.

Ti potrebbe anche interessare: Diletta Leotta presenta il fidanzato sui social. Ecco chi è (molto famoso)