Meteo, le previsioni del tempo per il 24, 25 e 26 dicembre


Un’imponente struttura di alta pressione sta per conquistare tutta l’Europa e quindi anche l’Italia, presagendo un lungo periodo stabile ma con una breve parentesi di maltempo. Il weekend prenatalizio – avvisa il team del sito www.iLMeteo.it – sarà contraddistinto dalla nebbia al Nord, sulle pianure principali del Centro e sulle vallate alpine, prealpine e appenniniche. Soleggiato altrove, salvo qualche pioggia su Campania e Calabria.

La vigilia di Natale partirà con un tempo simile al Nord, entro sera però l’irruzione di venti più freddi da Nord/Nordest provocherà un blitz di maltempo dalle regioni adriatiche centro-meridionali verso il resto del Sud. Il giorno di Natale sarà quindi caratterizzato dalle ultime piogge al Sud ma migliorerà presto, mentre al Nord prevarranno ancora nebbie o cielo coperto. Le temperature aumenteranno con valori sopra la media anche di 10°. (Continua a leggere dopo la foto)




“Dal giorno di Santo Stefano e almeno fino a domenica 30 – spiega Antonio Sanò, direttore e fondatore del sito – l’alta pressione dominerà incontrastata tutto il Paese con tempo stabile, soleggiato e temperature nella media del periodo. Tra l’ultimo dell’anno e Capodanno invece è possibile l’irruzione di aria gelida di origine siberiana con conseguente crollo delle temperature, ma data la distanza temporale questa tendenza dovrà essere aggiornata nei prossimi giorni”. (Continua a leggere dopo la foto)




Meteo domenica 23 dicembre – Poche variazioni per domenica con prevalenza di schiarite, a parte la coda di una nuova perturbazione in addossamento alle Alpi con qualche fenomeno nevoso su zone di confine più settentrionali oltre i 1800/2000 metri. Foschie e nebbie non mancheranno in Val Padana. Nubi basse insisteranno più compatte sul basso versante tirrenico, con qualche residuo piovasco. Inverno in pausa – L’afflusso di correnti miti oceaniche continuerà a favorire un aumento delle temperature. Solo in Val Padana il clima si manterrà relativamente freddo, grazie al cuscinetto padano e alle nebbie localmente persistenti. La mitezza sarà più accentuata in montagna, con caldo anomalo. Per un calo termico bisognerà attendere Natale.(Continua a leggere dopo la foto)


 


Lunedì 24 previsti 15° a Milano e Torino, 15°a Firenze, 16° a Roma e Napoli, 17° a Bari, fino a 18° a Catania. Temperature elevate anche in Montagna. In nottata arriva un fronte freddo dall’Europa nord orientale. Martedì 25 Dicembre Natale: Secondo 3bmeteo.it ”una veloce irruzione di aria fredda dall’Europa orientale spinge venti di tramontana e grecale sull’Italia, responsabili di una diminuzione delle temperature, anche sensibile sulle regioni orientali dove si perderanno rispetto al lunedì anche 5-7°. Le massime non dovrebbero andare oltre i 10° su Ancona, e Bari, diminuzione anche sulle città di pianura con 10° a Milano e Torino. Restano miti le Isole Maggiori con 16° a Cagliari e 15° a Palermo”. Le temperature tornano ad aumentare, stante il ritorno dell’alta pressione con valori in leggero rialzo rispetto al Natale, ma per fine mese il freddo dovrebbe ritornare, sempre da est.

Influenza? Falla passare così: ecco la ‘bomba’ anti raffreddore