Meteo, arriva il gelo sull’Italia. Cosa succederà nel fine settimana


Meteo, continua l’instabilità su tutta la penisola. Dopo le piogge torrenziali, il gelo siberiano, poi l’umidità e un autunno che sembra ancora indeciso sul da farsi, arrivano brutte notizie per gli italiani.

Secondo il comunicato del sito Ilmeteo.it, a partire dal 10 dicembre l’Italia sarà travolta dal gelo siberiano. Gli abbassamenti importanti della temperatura inizieranno già dal ponte dell’Immacolata. Davvero? Sì. Vediamo nel dettaglio cosa potrebbe accadere. L’anticiclone tenderà a rafforzarsi sull’Italia in avvio di settimana, regalando una parentesi soleggiata che avrà però durata molto breve: già a partire da venerdì 7 Dicembre si faranno sentire i primi segni di cedimento della struttura dell’alta pressione, minata da correnti instabili settentrionali che apriranno la strada a un corposo peggioramento che avverrà proprio a partire dalla giornata dell’Immacolata, cioè l’8 dicembre. Ma le cose peggioreranno ulteriormente nel giorni a seguire. Continua a leggere dopo la foto



Un profondo vortice ciclonico proveniente dalla Scandinavia investirà prima il Regno Unito, poi l’Europa centrale, per aggredire l’Italia proprio sabato 8 dicembre. Ci saranno piogge, rovesci e venti forti che colpiranno prima le regioni settentrionali – in particolar modo il Friuli Venezia Giulia, il Veneto, la Romagna – per poi spingersi verso i settori adriatici centrali e scivolare verso le regioni meridionali tra domenica 9 e lunedì 10 Dicembre. Continua a leggere dopo la foto


Freddo, freddo, freddo: la colonnina di mercurio tornerà a calare fino a raggiungere valori tipici dell’avvio della stagione invernale. E arriverà anche la neve (che fa tanto Natale ma non è proprio una grande gioia se non sei un bambino). All’inizio la neve cadrà a 1500 m, poi a 1000 metri sulle Alpi e 1200 metri sulle Prealpi con accumuli dai 20 ai 40 cm, a 1800 m sugli Appennini con accumuli oltre i 2200 anche copiosi. Ma non è ancora tutto. Continua a leggere dopo la foto


 

Sarà soprattutto da lunedì 10, martedì 11 e mercoledì 12 che masse d’aria di origine russo-siberiana si metteranno in marcia verso il Mediterraneo e faranno irruzione in Italia dalla Porta della Bora con venti a 100km/h, sia dalla Porta Balcanica, facendo crollare le temperature di 10/15 gradi. Oltre al gelo, si prevedono piogge e abbondanti nevicate dalla Romagna fino al Gargano. Quanto durerà? Almeno fino a Natale.

Dietro le quinte del potere Business.it

Arriva il ciclone. Il meteo che fa tremare l’Italia: neve e gelo in arrivo