Meteo: avete già programmato la settimana? Fermi tutti: il tempo cambia ancora. Pazzo inverno, ecco cosa accadrà nei prossimi giorni…


 

L’inverno sta già facendo dietro-front: in aumento le temperature su tutta l’Italia. “L’alta pressione si espande verso il Mediterraneo centrale, l’Italia e, temporaneamente, fino al Mare del Nord. Sul nostro Paese – spiegano i meteorologi – questa vasta area anticiclonica determinerà una fase di tempo stabile, con precipitazioni quasi del tutto assenti, ma con il ritorno della nebbia nelle ore più fredde soprattutto in Pianura Padana. Il rialzo termico sarà più marcato sulle zone alpine, dove lo zero termico lunedì sarà posizionato alla quota di 3.000 metri, un’altezza davvero anomala per questo periodo invernale”. Come sarà, dunque, la settimana?

(Continua a leggere dopo la foto)



LUNEDI’ – Per la giornata di lunedì è previsto tempo stabile in tutto il Paese, dove si segnala solo la presenza di un po’ di nubi compatte fra Liguria e Toscana; un’altra zona con annuvolamenti insistenti sarà quella della bassa Calabria tirrenica. Nel resto del territorio le schiarite resteranno ampie, ma con presenza di nebbie mattutine lungo le valli del Centro e nelle pianure del Nord, fra il sudest della Lombardia, l’Emilia e il Veneto, nel settore a cavallo del Po. Temperature in generale rialzo, ad eccezione di Liguria, Toscana e coste venete, per vie delle nubi basse o delle nebbie in diradamento. I valori nella notte continueranno ad essere sotto lo zero, con locali gelate, in gran parte del Nord e localmente nelle valli Centro (in Umbria, Lazio e Marche). In montagna lo zero termico salirà oltre i 3000 metri di quota al Nordovest. Venti deboli salvo residui rinforzi di Maestrale nel Salento e intorno allo stretto.

MARTEDI’ – Martedì la nuvolosità si presenterà densa tra Liguria e Toscana, con possibilità di brevi e isolate pioviggini. Strati di nubi basse e locali nebbie riguarderanno il settore centrale della Val Padana, l’Umbria e l’alto Lazio; ancora un po’ di nubi sulla Calabria tirrenica. Il resto d’Italia sarà più soleggiato, ma con temporanei annuvolamenti in transito al Nord, tra pomeriggio e sera anche al centro e nella notte anche al Sud peninsulare. Temperature in aumento, sia le minime che le massime: fine delle gelate al Centro, mentre al Nord saranno più deboli; le massime aumenteranno di un paio di gradi. Venti fino a moderati di Maestrale in Puglia, Calabria e Nordest della Sicilia.

IL RESTO DELLA SETTIMANA – Da metà settimana l’alta pressione tenderà leggermente a indebolirsi con conseguenti infiltrazioni di aria più umida da Ovest, che renderanno più diffusi gli strati di nubi basse nel settore della Val Padana, sull’alto Adriatico e nel settore tirrenico fino alla Campania. Le nubi saranno accompagnate da piogge brevi e occasionali su Liguria, Toscana e Veneto. Sul resto dell’Italia preverrà un cielo poco nuvoloso. La maggiore presenza di nubi basse impedirà la formazione delle nebbie. La massa d’aria rimarrà mite, ma nelle zone interessate da nuvolosità le massime tenderanno a calare di 1-3 gradi. Fino a fine mese non si prevede l’arrivo di perturbazioni, fatto che aggrava ulteriormente la situazione di estrema siccità che sta interessando soprattutto il Nordovest.

 

Potrebbe anche interessarti: Al treno non importa se c’è la neve!