Meteo, brutte notizie. E non solo per il 1 maggio. Per ora il costume rimarrà nell’armadio (e neanche per poco). Ecco cosa ci aspetta


 

Il caldo dell’ultima settimana di aprile è destinato ad essere un ricordo. Sì perché la situazione meteorologica sul Bel Paese è destinata a cambiare rapidamente. Costumi, infradito e magliette per ora sono destinate a rimanere nell’armadio e, dicono gli esperti, ancora per molto. I primi giorni di maggio infatti saranno infatti all’insegna del maltempo. Un intenso vortice perturbato andrà a formarsi in sede mediterranea a partire da domani, per poi incamminarsi nei giorni seguenti verso la Sardegna e le regioni centrali peninsulari.”Il gradiente barico che andrà a formarsi sull’Italia – spiegano gli esperti del sito ilmeteo.it – sarà davvero rilevante: prendendo come esempio la posizione del minimo nel corso delle prime ore di giovedì 3, sulla Sardegna avremo una pressione di circa 990 hpa (hectopascal, unità di misura della pressione atmosferica) mentre sul Nord Italia avremo circa 1000-1005 hpa.Questo dislivello barico attiverà forti venti sul nostro Paese: ricordiamo che essi soffiano in senso antiorario intorno al centro di bassa pressione.Massima attenzione dunque sulla Sardegna occidentale. (Continua dopo la foto)



Dove le raffiche di Maestrale potranno soffiare con raffiche di 90-100 km/h (soprattutto ad Oristano), forti venti di Libeccio su Sicilia occidentale e mar Tirreno centro-meridionale, con punte di 70-80 km/h. Prudenza a Roma tra la sera di mercoledì 2 e le prime ore di giovedì 3; venti forti meridionali, localmente molto forti da Sudest, interesseranno anche le regioni adriatiche.Ventilazione tesa da Nord, Nordest sulla Liguria e sulle regioni settentrionali in genere, con raffiche anche i 70-80 km/h”.In base agli ultimi aggiornamenti durante il mese di maggio 2018, si legge poi sul site del Meteo.it, si potrebbero registrare delle anomalie positive del campo barico sull’Atlantico meridionale, oltre che su Mediterraneo orientale ed Europa orientale. (Continua dopo le foto)



 


Frequenti rimonte anticicloniche o anche ondate prefrontali potrebbero interessare soprattutto Mediterraneo orientale e Penisola Balcanica. Transito di impulsi freschi e instabili invece sull’Europa centro-occidentale. Temperature che potrebbero risultare al di sopra delle medie del periodo sull’Europa orientale, in media o poco sotto invece sui settori centro-occidentali. Ma tranquilli perché dalla seconda settimana in poi un nuovo anticiclone dovrebbe raggiungere il nostro paese e il mese di di maggio potrebbe vedere temperature sopra la media specialmente al Sud e precipitazioni scarse sui settori centro-meridionali e in media al Nord.

Ti potrebbe interessare: Meteo, arriva la “bomba” di primavera. Caldo fuori stagione e temperature ben oltre la media del periodo. Le previsioni che fanno piacere agli amanti della bella stagione