Meteo, la previsione choc: ”Il 10 ottobre può abbattersi un uragano sull’Italia”. Ecco perché, dove e cosa sta succedendo ai nostri mari


 

Il 10 ottobre potrebbe esserci la possibilità che si verifichi un uragano in Italia. La previsione arriva dal noto meteorologo, il colonnello Mario Giuliacci, attraverso il sito meteogiuliacci.it. Come vale per ogni previsione meteo, è d’obbligo usare cautela, considerate le numerose variabili che condizionano i fenomeni atmosferici e, anche se improbabile che nel nostro mare si verifichino tragedie devastanti come quelle che hanno colpito le coste oceaniche e asiatiche, tuttavia, spiega sempre Giuliacci, le acque del Mediterraneo, in autunno, si sono riscaldate più di quanto non lo fossero 20 o 30 anni fa.

(Continua a leggere dopo la foto)







Certo, lo spessore dello strato delle acque calde rimane ancora troppo piccolo e i venti tendono a disperdere velocemente il calore assorbito dalla superficie de mare, però ”in una decina di volte – scrive Giuliacci – si sono osservate nel Mare Nostrum tempeste ibride con caratteristiche tipicamente tropicali, note come Bombe del Mediterraneo o più precisamente Tropical Like Cyclone”. Ovvero il fenomeno che per il colonnello potrebbe realizzarsi proprio sul nostro Paese.

E infatti, dall’osservazione delle immagini satellitari, Giuliacci sostiene di aver individuato due caratteristiche che giustifichino i sospetti che si tratti proprio di un Tropical Like Ciclone: ”La parte centrale del ciclone è a ‘cuore caldo’ come i cicloni tropicali mentre i tipi di cicloni delle nostre latitudini sono colmi di aria fredda; il fatto che il ciclone in arrivo dal Nord Africa sorvolerà i mari prossimi alla Sicilia che sono tuttora ancora molto più caldi della media climatica”. Non a caso Giuliacci ricorda poi come, proprio nella giornata di sabato, siano previsti temporali e venti fino a 90 km/h su tutto il Centro sud.

Potrebbe anche interessarti: Buchi nel soffitto per evitare che crolli con la pioggia. Ecco la peggiore scuola italiana

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it