“Brrr, ecco il tempaccio”. Meteo, addio a temperature miti e sole che splende: in arrivo freddo, vento e temporali in tutta Italia


 

Ancora una giornata con stabilità e ampio soleggiamento. La redazione di iLMeteo.it, però, rileva la presenza diffusa di nubi basse e nebbie. Su quasi tutta la Pianura Padana il cielo è chiuso, con nebbie talora anche fitte tra la bassa Lombardia, l’Emilia-Romagna, le pianure venete e del Friuli. Probabile loro persistenza per gran parte della giornata su molte di queste aree. Locali nebbie o foschie anche sulle pianure centro-meridionali. Venerdì, una modesta bassa pressione sul territorio algerino-tunisino, potrà arrecare un aumento di nubi sulle isole maggiori, anche con qualche debole rovescio in Sardegna. Continuerà a prevalere la stabilità altrove, salvo le consuete nubi basse e nebbie diffuse. Conferme per un cambio del tempo nel corso del fine settimana. Antonio Sanò, direttore e fondatore del sito www.iLMeteo.it, annuncia l’arrivo del figlio di Ophelia, “una bassa pressione che proverrà proprio dal Regno Unito e che abborderà le nostre regioni settentrionali a iniziare dalla tarda serata di sabato. Sabato sera prime piogge su Liguria centro-orientale, alta Toscana. Nella notte su domenica, temporali forti su Levante ligure e alta Toscana e nubi e piogge via via più diffuse al Nord, specie verso il Nord Est. Giornata di domenica con maltempo diffuso sui settori centro orientali del Nord e anche localmente su Lazio e Campania”. (Continua a leggere dopo la foto)



Il direttore Sanò mette in allerta per possibili temporali violenti tra Veneto, Friuli Venezia Giulia e localmente anche tra Lazio e Campania. Il figlio di Ophelia, appena si tufferà nel Mediterraneo, porterà anche venti forti settentrionali con raffiche di Maestrale, domenica sera, fino a 90 km/h su Nord Sardegna. Tramontana, nel corso di lunedì, con punte sui 90/100 km/h su coste abruzzesi-molisane. Sempre per lunedì, le nubi e le piogge andranno concentrandosi su medio-basso Adriatico, Calabria tirrenica, Nord Est Sicilia, più deboli e irregolari sul resto del Sud. La neve tornerà a cadere sulle Alpi sopra i 1300/1400 metri dal pomeriggio/sera di domenica. Calo termico di 8/10°, entro lunedì, su tutto il Paese”. (Continua a leggere dopo le foto)



 

In questi giorni l’Italia è stata interessata da vari giorni da un gigantesco campo di alta pressione che oltre a portare la nebbia al Nord, e l’inquinamento sulle grandi città, ha causato un aumento delle temperature che misurano valori quasi estivi su molte regioni. La situazione cambierà domani venerdì 20 ottobre. “Un primo cedimento dell’alta pressione – si legge sul sito IlMeteo.it lo si avrà venerdì 20 quando una bassa pressione scivolerà dalle isole Baleari verso il canale di Sicilia, portando piogge e temporali sull’isola, ma anche in Sardegna. Qualche pioggia anche in Piemonte e Lombardia. Questo primo passaggio perturbato avrà eroso l’anticiclone che domenica 22 abbandonerà l’Italia”.

Torna il caldo, l’autunno può aspettare: bye bye tempo uggioso e pioggia improvvisa. Meteo, in arrivo sull’Italia una piacevole alta pressione: le zone coinvolte e quanto durerà