La speranza di un miracolo, lo scrittore tetraplegico racconta il suo viaggio a Lourdes


Lorenzo Amurri pubblica il suo secondo libro dopo Apnea. Il libro d’esordio che racconta l’adolescenza e l’incidente che lo ha reso tetraplegico, la convalescenza, le cure della madre, l’odio per la vita; e il recupero, la voglia di stare con gli amici, di avere accanto una donna.

Lo scrittore in Perché non lo portate a Lourdes?  decide di farsi accompagnare in questo luogo di fede. Perché solo un miracolo può cancellare la sua disgrazia. Ogni anno, l’UNITALSI – Unione Nazionale Trasporto Ammalati a Lourdes e Santuari internazionali – accompagna un grandissimo numero di persone in questo luogo. Lorenzo diventa cronista di tutte quelle che sono le difficoltà del viaggiare per un disabile, del farsi accompagnare, dell’essere dipendente. Lui non è credente  ma decide di lanciarsi in questa esperienza, servirà ad avvicinarlo alla fede?

 







Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it