“Destini dei fiori nello specchio”, è il romanzo che stravolgerà la vostra vita. Un viaggio terreno alla ricerca dell’immortalità. Un libro misterioso che ha percorso secoli di storia


 

Tre viaggiatori cinesi, raffinati testimoni dell’ultima età d’oro prima del declino dell’Impero di Mezzo, si imbarcano per un’impresa che li porterà oltre i confini del mondo conosciuto, verso terre ignote e fantastiche. Attraversando isole infestate da bestie mitologiche, regni in cui sono le donne a comandare e agli uomini è inflitta la fasciatura dei piedi, lande in cui i letterati coltivano la terra, montagne avvolte dalle nebbie sui cui picchi dimorano i santi taoisti, il gruppo veleggia alla ricerca dell’immortalità, incrociando nelle proprie peripezie le fate dei Cento Fiori, condannate a reincarnarsi in bellezze umane per aver contravvenuto a un ordine celeste. Seppure scritto all’altro capo del mondo, “Destini dei fiori nello specchio” – opera di Li Ruzhen (1763-1830), filologo, astrologo, musicista e calligrafo – sembrerà al lettore italiano riecheggiare la stessa passione per l’esotismo fantastico e per il capovolgimento degli schemi sociali che caratterizza capolavori della “nostra” letteratura come “I Viaggi di Gulliver”. 

(Continua a leggere dopo la foto)




Di questo lungo romanzo cinese scritto agli inizi del XIX secolo, l’editore ObarraO presenta per la prima volta in una lingua occidentale i 40 capitoli di maggior rilievo (e quelli più godibili per un lettore non specialistico). Scelta lodevole, poiché il testo – come spiega nell’introduzione la curatrice e traduttrice Donatella Guida, docente di Storia della Cina presso l’Università di Napoli “L’Orientale” – è generalmente considerato l’ultimo grande classico dell’epoca imperiale, “un complesso gioco letterario” in cui “elementi fantastici e storici, argomenti tratti dai più disparati campi del sapere si fondono in una narrazione ricca di influenze taoiste, buddiste e confuciane”, un romanzo poliedrico “che rappresenta una celebrazione della cultura cinese, e al tempo stesso una rottura della tradizione, espressa attraverso il superamento delle disparità di genere tra uomini e donne e il continuo ricorso a una satira dirompente”. Insomma, un avvincente caleidoscopio in cui si rifrange la storia imperiale cinese in tutta la sua ricchezza.

(Continua a leggere dopo la foto)




Scheda Libro

Li Ruzhen, Destini dei Fiori nello Specchio – Romanzo cinese del XIX secolo

Traduzione dal cinese e cura: Donatella Guida

Editore: O barra O

Collana: in-Oriente

Pagine: 544

Formato: 12,5×20,5 cm

Prezzo: Euro 19,50

ISBN 978-88-69680-01-4

 

 

Il caso della donna che smise di mangiare. Paolo Crepet racconta a Caffeina il suo nuovo libro