Jennifer Aniston: “Credevo di essere stupida, poi ho scoperto la verità…”


La storia di Jennifer Aniston, attrice molto amata dal pubblico, è la classica realizzazione dell’american dream: la ragazza della porta accanto che diventa una star di Hollywood. Conquista il pubblico di tutto il mondo interpretando Rachel in “Friends” e anche Brad Pitt (con cui si sposa per cinque anni, dal 2000 al 2005). Ma la vita di Jennifer Aniston non comprende soltanto gioia e successi ma anche sofferenza e dolore, in particolare negli anni dell’infanzia e dell’adolescenza. Solo all’età di 45 anni, l’attrice ha avuto il coraggio di confessare in un’intervista concessa a Hollywood Reporter, di essere dislessica e di aver scoperto di soffrire di questo disturbo solo quando aveva vent’anni e in maniera del tutto casuale.  Fino a quel momento, l’attrice ha rivelato di aver sofferto moltissimo soprattutto in termini di autostima. Si riteneva poco intelligente per le difficoltà di apprendimento che riscontrava durante la sua carriera scolastica. Jennifer Aniston ha, infatti, raccontato di aver scoperto di soffrire di dislessia  grazie a una visita oculistica di routine: “Mi hanno fatto indossare un paio di occhiali con una lente blu e una rossa, e dovevo leggere un breve paragrafo per poi rispondere a dieci domande su quello che avevo appena letto. Penso di aver risposto bene solo a tre quesiti”. Una diagnosi che ha avuto un effetto benefico: “Pensavo di non essere intelligente, non riuscivo a trattenere niente. Per me è stata una grande scoperta perché è come se molti dei miei traumi e dei miei drammi infantili avessero finalmente trovato una spiegazione”. 








Ti potrebbe interessare anche: La svolta di Jennifer Aniston: “Finalmente sono brutta”

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it