Lutto nel mondo del cinema: l’attore 35enne si è suicidato buttandosi dalla finestra


Lutto nel mondo del cinema: l’attore Macanao Torres, il cui nome all’anagrafe era Pedro Oliver, si è tolto la vita a 35 anni. Secondo quanto riportano alcune fonti, Macanao Torres si sarebbe suicidato buttandosi dal tetto del suo condominio a Murcia, Spagna. Torres era un attore molto famoso nel mondo del cinema a luci rosse ma negli ultimi anni aveva avuto dei problemi di salute. Nel 2011, quando aveva solo 26 anni, gli era stato diagnosticato il linfoma non Hodgkin.

A causa della malattia, nel 2016, il giovane era stato costretto a smettere di fare il suo lavoro. Il suo esordio nel mondo del cinema a luci rosse risale al 2006, per la precisione al 9 ottobre. Quel giorno aveva girato il suo primo film (ovviamente sempre del genere che poi lo ha reso celebre) del regista e produttore Jalif. A 10 anni esatti dal suo esordio era stato costretto a ritirarsi per via del linfoma che gli aveva stravolto la vita. Continua a leggere dopo la foto










A febbraio 2019, per la terza volta, era arrivata la brutta notizia: il cancro era tornato. Il ragazzo, sfinito da tutto, ha deciso di togliersi la vita. Lo ha fatto nella serata di domenica 29 dicembre 2019 ma la notizia della sua morte sta circolando soltanto in queste ore. Macanao Torres era un attore molto famoso nel suo ambito e, nella sua carriera, aveva lavorato per molte case di produzione quali la JalifStudio, la Hardkinks, la Treasure Island Media, la Butch Dixon e la Dark Alley Media. Continua a leggere dopo la foto






Nonostante si fosse ritirato nel 2016, aveva continuato a patrocinare vari eventi soprattutto legati alla prevenzione dell’HIV e di altre malattie sessualmente trasmissibili nella comunità LGBT. Si è battuto a lungo affinché fossero impediti, sul set, i rapporti senza protezione. Ce l’aveva con le società che non chiedevano le analisi agli attori: “Li sfido a rendere pubbliche le analisi che fanno gli attori. Non è possibile che s’insegni alle nuove generazioni che va bene fare sesso senza preservativo”, diceva. Continua a leggere dopo la foto



 

Prima del ritiro Macanao Torres aveva attaccato l’industria del cinema a luci rosse: “Un’agonia. Come puoi chiamarti pornostar, se quando ti nominano per alcuni premi ti dicono che te li daranno solo con uno spettacolo gratuito in cambio? O quando ti assumono per recitare, arrivi lo stesso giorno sul sito, lavori tutta la notte e alle dodici del mattino ti buttano fuori dall’hotel? È questo il lavoro di una pornostar? Per poterlo svolgere, devi essere in forma, riposato, andare in palestra, prenderti cura di te. Tutte cose che non vengono più valutate come prima”.

Lutto nella tv italiana: è morto Alessandro Cocco, il “re dei presenzialisti”

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it