Lutto nel mondo del cinema, se n’è andata a 55 anni dopo una lunga malattia. Lei, bellissima e solare, era entrata nel cuore degli italiani. Indimenticabile volto di alcuni film cult


 

Lutto nel mondo del cinema. A soli 55 anni è morta Karina Huff, la bionda star inglese nota al pubblico italiano per essere stata la bellissima Susan del film cult di Carlo Vanzina degli anni 80 Sapore di Mare e Sapore di mare 2. Era apparsa anche nel film Vacanze di Natale 1983, dove vestiva i panni della fidanzata americana di Cristian De Sica. L’annuncio arriva dalla stessa pagina Facebook di Karina Huff (vero nome Carrina Corona Elizabella), dove un amico ha pubblicato un triste messaggio di cordoglio.

(Continua a leggere dopo le foto)











“Caro dolce Carrina. – si legge – Sono così triste per il fatto che tu ci abbia lasciati. Ti conoscevo da quando avevi nove anni. Non avevo mai incontrato qualcuno con i capelli lunghi come i tuoi ed è stato sempre stimolante e molto divertente uscire con te nei giorni tempestosi. Ci mancherai. Che tu possa trovare amore, luce e pace”.

Dal 1980 al 1985 conduce Popcorn, il primo programma musicale della Fininvest andato in onda su Canale 5. Nel dicembre 1981 fu sulla copertina di Playboy, dove veniva indicata come la rivale di Heather Parisi, mentre, al culmine della fama apparve, nel marzo 1984, sempre senza veli sulla rivista Playmen. Nel 1988 è lei a ballare la sigla finale del serial cabarettistico Zanzibar, in cui poi compare nella parte di Eva, un’avventrice in perpetua attesa del fidanzato Raul che non arriverà mai in nessuna delle 41 puntate del programma. Lavora nella sua palestra “Eva ti solleva” vicina al bar.

Nel 1999 ha partecipato alla trasmissione tv Meteore. Nel 2008 ha scoperto di avere un tumore al seno dal quale si è curata. Si è trasferita in Inghilterra. A marzo del 2013 è stata ospite nel salotto televisivo di Domenica Live, presentato da Barbara d’Urso.

 

“Attenti, quel prodotto è potenzialmente mortale!”, l’annuncio da parte di una delle catene più grandi e importanti d’Italia. Ecco cosa è successo subito dopo…

 

 

 

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it