“Sesso a tre? Ora vi racconto io cosa è successo quella sera”. Claudia Gerini non le manda certo a dire e dopo la pesante accusa della modella neozelandese (riguardo il ménage à trois con il suo ex), è lei stessa a mettere qualche puntino sulle “i”. E ora “cara Zoe, facciamo i conti”


 

Non ci sta Claudia Gerini è promette azione legali contro una “falsità”, almeno a suo dire. Siamo nella piena fuoriuscita dei liquami dal vaso di Pandora relativo allo scandalo degli abusi sessuali di Harvey Weinstein su attrici e modelle ha sconvolto tutto il mondo, polemica alla quale anche Claudia Gerini è stata tirata in ballo indirettamente. Ma partiamo con ordine. A citare la bellissima attrice nostrana è stata la modella Zoe Brock che, nelle ultime ore, ha accusato la collega italiana di averle proposto sesso a tre con Fabrizio Lombardo, ex fidanzato della Gerini. “Zoe Brock ha fatto bene a denunciare gli abusi (la Brock, come riportato da alcuni media oggi, è tra le vittime del produttore americano a Cannes nel 1997, ndr) ma perché mettermi in mezzo con un episodio falso che peraltro non c’entra nulla con la molestia che avrebbe subito da Harvey Weinstein? Mi dispiace, è una cosa gravissima e io devo fermarla, sono costretta a fare un’azione legale contro questa modella per diffamazione”, ha spiegato all’Ansa Claudia Gerini. E ancora: “Io non ho memoria di questa ragazza, non me la ricordo proprio, ma questo non significa che non mi sia stata presentata. (continua dopo la foto)







Quello che è sicuro è che l’episodio in cui mi coinvolge, peraltro una vicenda di libero sesso tra adulti consenzienti, non è mai accaduto, è una assoluta mistificazione”. Claudia Gerini, poi, precisa all’Ansa che del suo ex fidanzato Fabrizio Lombardo era molto gelosa. “Ero gelosissima – continua – in modo quasi ossessivo, pensare di dividere il letto con un’altra è pura follia. Sono sconcertata da questo racconto, devo per forza reagire, ho due figlie da proteggere”. L’attrice, che all’epoca degli scandali che hanno travolto Harvey Weinstein aveva 25 anni, ci tiene a sottolineare di non “aver avuto inviti equivoci, né molestie da Weinstein. Stavo con Fabrizio Lombardo ed ero solo la sua fidanzata”. Da parte sua Zoe, ha affermato praticamente il contrario: “La Brock – riporta per noi Variety – si trovava in macchina con Lombardo, Weinstein e il suo assistente Rick Schwartz, per andare all’Hotel Du Cap dove doveva tenersi un fantomatico party. Poi Lombardo e Schwartz lasciarono la stanza e Weinstein fece avances indesiderate. (continua dopo le foto)






 



 

Incontrò di nuovo Lombardo uno o due giorni dopo, le disse che aveva sentito dell’accaduto le mostrò solidarietà”. “Aveva una deliziosa fidanzata di nome Claudia Gerini – continua la modella -, mi invitarono a Roma un paio di settimane dopo. Arrivai la sera e scoprii che avevano solo un letto. Quando chiarii che non avrei dormito nel loro letto, dormii sul divano, sopportando i rumori mentre facevano sesso a volume molto alto. Era troppo tardi per prendere un treno, avevo troppa paura di dormire in strada”. Due versioni contrastanti quindi. Eppure la verità, anche se in genere è sempre nel mezzo delle vicende, in questo caso almeno dovrà essere da una parte o l’altra. Chi vincerà?

Ti potrebbe anche interessare: “Facciamo sesso a tre”. Scandalo sesso nel mondo del cinema: l’incredibile (e pericolosa) confessione della bellissima attrice. “Claudia Gerini mi chiese di farlo con me e il suo compagno, volevano un ménage à trois”. Dopo Asia Argento, ecco un’altra bomba destinata a far parecchie “vittime”

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it