50 sfumature, i critici bocciano il film: ”Eros? Ecco la vera emozione che suscitano”


Cinquanta sfumature di grigio stroncato dalla critica a poche ore dall’anteprima mondiale al festival di Berlino. Il film più atteso dell’anno, quindi, non ha convinto. Poche scene piccanti, poca la nudità e attori mosci. Questo, in sostanza, il giudizio dei critici nei confronti della trasposizione in pellicola (diretta da Sam Taylor-Johnson) del best sellers di El James. Il film non è riuscito a ricreare sullo schermo quell’eros, quella tensione carnale e quella carica di trasgressività, che hanno decretato invece il successo mondiale del libro.

(Continua a leggere dopo la foto)



Anche i magazine americani si sono scatenati: “le scene fra Dakota Johnson e Jamie Dornan non soddisfano, non sono esplicite come il libro’’ – di legge su Usa Today – ‘’Chi cerca il sadomaso resterà deluso. Ci sono più discussioni che eros’’. Anche Fox News definisce il film mediocre: ‘’C’è nudità ma molta meno di quella che si vede ogni giorno in tv. Disturbano di più le scene di Game of Thrones. I personaggi sono sciatti, il tono è tiepido. Una delusione. I dialoghi sembrano però più sottili ed eleganti del libro. I critici all’unanimità bocciano una pellicola definita “noiosa” o, addirittura, a tratti quasi ridicola. Nel frattempo, in attesa dell’uscita nelle sale di tutto il mondo del film, in Francia il Centre national du cinéma et de l’image animé (Cna) ha deciso di vietare la visione di “Cinquanta sfumature di grigio” ai bambini di età inferiore ai 12 anni. Una decisione definita dal network americano Nbc in modo ironico e velatamente polemico come “molto francese” rispetto al divieto ai minori di 17 anni imposto in America dalla Motion Picture Association of America (Mpaa).

Potrebbe anche interessarti:

”50 sfumature”, il film più sexy degli ultimi 10 anni (almeno per i numeri)

50 sfumature di grigio, 10 cose da sapere