Vittorio Cecchi Gori Condizioni Salute Precarie

“Sta molto male”. Vittorio Cecchi Gori, ansia sulle sue condizioni di salute

C’è grande preoccupazione intorno alle condizioni di salute di Vittorio Cecchi Gori. Era da tempo che non si avevano notizie sul suo stato di salute, ma ora è il suo amico e medico, Antonio De Luca, ad aver rotto il silenzio e ad aver allarmato tutti. Per chi non ne fosse a conoscenza, il produttore cinematografico è sottoposto agli arresti domiciliari per bancarotta fraudolenta e altri reati di natura finanziaria; in totale ha ricevuto una condanna ad otto anni, cinque mesi e ventisei giorni.

Mesi fa erano uscite invece voci sulla sua sfera privata. Il giornalista Alessi aveva spiegato che non c’era nessuna nuova fidanzata per Vittorio Cecchi Gori. “Di vero amore non si tratta” scrive il giornalista su Libero che poi aggiunge: “Però è a casa, si è ripreso e sta meglio e il figlio Mario Jr gli è costantemente vicino”. Poi il direttore di Novella 2000 aveva spiegato come si fosse creato il malinteso. La presunta fidanzata cubana sarebbe “un’amica dei suoi collaboratori di casa”. Ma ora è la salute a spaventare.

Vittorio Cecchi Gori Condizioni Salute Precarie

Vittorio Cecchi Gori, noto anche per aver guidato la società di calcio della Fiorentina per parecchi anni, ha avuto un grave problema fisico quattro anni fa, quando è stato colpito da un’ischemia cerebrale. Era stato anche in coma farmacologico e si era temuto il peggio, poi fortunatamente la situazione clinica era migliorata. Adesso, intervistato dal giornale ‘Libero’, il dottor De Luca ha fatto un aggiornamento sulle sue condizioni e non ha comunicato affatto buone notizie su di lui.


Vittorio Cecchi Gori Condizioni Salute Precarie

Questo il punto della situazione sullo stato di salute di Vittorio Cecchi Gori: “Sta ancora molto male, le sue condizioni sono precarie. Lo sto seguendo da casa con tutte le terapie del caso, è una persona a cui sono molto legato, non lo lascerò mai solo”. Quindi, non è ancora riuscito a ristabilirsi del tutto, ma il suo medico personale gli sta garantendo tutte le cure necessarie. Dopo l’ischemia cerebrale, era stato lo stesso dottore a permettergli di scampare alla morte e di ritornare a condurre una vita più normale.

Nel corso della sua lunga carriera Vittorio Cecchi Gori, che ha 79 anni, ha ricevuto una candidatura all’Oscar come miglior film con ‘Il postino’ e ha ottenuto anche il ‘BAFTA’. Ha anche conquistato tre David di Donatello su sette candidature complessive. Come produttore gli ultimi lavori risalgono al 2016 e al 2019, con le due pellicole di Martin Scorsese, ‘Silence’ e ‘The Irishman’.