Terremoto nel centro Italia, il post su Facebook di Fiorella Mannoia a molti suona equivoco e, in poco tempo, diventa un caso. Poi arriva la replica secca della cantante (sì, ha ragione). Cosa è successo (e come è andata)

 

Per fare un bel gesto nasce il caso. Fiorella Mannoia, sulla scia delle tante iniziative di hotel e campeggi per aiutare gli sfollati, finisce nella bufera dei social. Prima ha pubblicato un post nel quale invitava la popolazione sfollata dal terremoto a usufruire del “suo” hotel a Cesenatico, poi ha smentito affermando di aver semplicemente copiato e incollato un messaggio e che quell’hotel non le appartiene. Fiorella Mannoia si è scusata per il suo messaggio pubblicato su Facebook, diventato virale in poco tempo, che si prestava a fraintendimenti: “Il merito è tutto del proprietario dell’hotel Mario e della sua generosità. Io non c’entro niente. Ha chiesto di condividere e io l’ho fatto. Mi dispiace per il fraintendimento, non era nelle mie intenzioni”.

(Continua a leggere dopo il post)


{loadposition intext}

“Ciao a tutti vi scrivo dall’Hotel Mario di Cesenatico – si legge nel post originario – metto a disposizione dai prossimi giorni la mia struttura alberghiera per ospitare le persone che sono state costrette a lasciare le proprie abitazioni a causa del sisma del centro Italia – si legge nel messaggio -. Mi sto informando per cercare anche altre strutture disponibili. Condividete questo post in modo da poter raggiungere le persone interessate. Indirizzo : Via F. Brunelleschi 3,47042 Cesenatico FC. Telefono : 0547 87423”.

(Continua a leggere dopo il post)

 

Il post della cantante, testimonianza della sua generosità, aveva fatto il pieno di commenti: molti avevano giudicato in maniera positiva l’iniziativa facendole i complimenti, altri l’avevano criticata per il suo gesto, che sembrava essere “architettato” a puro scopo pubblicitario. La Mannoia, invece, aveva semplicemente copiato e incollato un messaggio di un albergatore, come aveva già fatto per un’altra struttura pronta ad aprire le sue porte agli sfollati.

(Continua a leggere dopo il post)

 

“Chi ha bisogno, può venire da noi”. Si moltiplicano le iniziative di hotel e campeggi pronti ad ospitare chi ha perso la casa nel terremoto che ha colpito nella notte il centro Italia. “Chiunque abbia bisogno di un posto dove andare, ‘Conventello House’ apre le porte. C’è un campeggio con servizi e delle tende, il tempo è buono e possiamo ospitare tranquillamente chi ha bisogno. Passate parola”, scrive su Facebook l’utente Cristina Camorani circa la disponibilità di poter trovare ospitalità nella località di Conventello, in provincia di Ravenna.

(Continua a leggere dopo il post)

 

Ti potrebbe interessare anche: Terremoto devastante. “I soccorsi non arrivano”. Sotto le macerie intere famiglie, anche bambini. La disperazione dalle zone più colpite dal sisma. Una coppia non ce l’ha fatta. Sorpresa durante il sonno. Ma il bilancio si aggrava di minuto in minuto

Pubblicato il alle ore 16:54 Ultima modifica il alle ore 11:29