”Se n’è andato, ha ricevuto le sue ali di angelo e non soffre più”. Lo straziante addio della star lascia tutti senza parole. La battaglia persa contro il cancro e quella vita spezzata a soli 7 anni: ”Tutti noi abbiamo sorriso con lui”

 

Dwayne Johnson ha ricordato sul suo profilo Instagram un fan di sette anni morto alcuni giorni fa dopo una dolorosa battaglia contro il cancro. Il piccolo Gabriel “Tater” Singleton era stato ospite di Dwayne sul set di Baywatch lo scorso marzo. Nel post pubblicato sui social, accompagnato da una foto di The Rock con il suo piccolo amico, l’attore ha scritto: “Molti di voi conoscono già la storia del forte, piccolo, Tater, il cui desiderio era quello di incontrarmi. Ho pensato a questo post per alcuni giorni, perché non ero sicuro di come esprimermi”.

”Viviamo la vita e lavoriamo duro, godiamo di qualche successo, impariamo dai nostri errori, ci prendiamo cura delle nostre famiglie e le proteggiamo”.


(Continua a leggere dopo la foto)

 

Many of you know the story of strong lil’ Tater who’s wish it was to meet me. Been sitting on this post for a few days now, ‘cause I wasn’t sure how to express it.. but here goes. We go thru life and work hard, enjoy some successes, learn from our mistakes, provide for and protect our families – as a man there’s some things I’m 100% certain of. Those are things I/we can control. Then there’s some things, as much as it pains me, we just can’t. I don’t know why this lil’ 7yr old boy was chosen to battle cancer. Fighting it hard core daily. Was it so his fight could inspire everyone around him? Was it ensure we would wake up everyday with a greater gratitude for life and hug our loved ones that much stronger? I believe everything happens for a reason – but sometimes it requires us to have faith to look deeper to know what they are. A few days ago Lil’ Tater passed on, earned his angel wings and is no longer in pain. Our strength and love go out to Tater’s mom, dad and sisters whom I had the privilege of spending time with on our set of Baywatch. As a dad, I’d do anything to put a smile on my girl’s faces and Tater’s mom and dad did everything they could to make this little boy smile. He sure did and it was beautiful. And we all smiled with him. We can’t control what’s around the corner, but we can ALWAYS control our effort and how we choose to LIVE and LOVE in this unpredictable, crazy and amazing thing we call life. Effort is our choice. #LiveLikeTater (after writing this post I’m counting my blessings and motivated to be productive today and run thru a wall like a maniac. Which would DEFINITELY make Tater laugh????????????).

Una foto pubblicata da therock (@therock) in data: 2 Ago 2016 alle ore 07:26 PDT

{loadposition intext}

”Come uomo, ci sono cose di cui sono certo al 100%. Ci sono cose che posso e potete controllare. Poi ci sono alcune cose, per quanto mi faccia male, che non possiamo controllare”.

(Continua a leggere dopo la foto)

 

“Non so perché un bambino di sette anni sia stato scelto per combattere il cancro. Forse perché la sua battaglia sia d’ispirazione a tutti noi? Forse perché in questo modo possiamo essere grati della nostra vita e abbracciare con forza le persone che amiamo?”. “Credo che tutto accada per una ragione”, continua a scrivere Dwayne, “ma a volte per capirla bisogna avere molta fede. Alcuni giorni fa Tater se n’è andato, ha ricevuto le sue ali di angelo e non soffre più”.

(Continua a leggere dopo la foto)

“La nostra forza e il nostro amore vanno alla mamma di Tater, al padre e alle sorelle con cui ho avuto il privilegio di trascorrere del tempo sul set di Baywatch. Come padre, – continua The Rock – farei di tutto per far sorridere la mia bambina, così come i genitori di Tater hanno fatto tutto il possibile per far sorridere il loro bambino. Lo ha fatto di certo ed era bellissimo. E tutti noi abbiamo sorriso con lui. Non possiamo controllare ciò che si nasconde dietro l’angolo, ma possiamo sempre controllare i nostri sforzi e come decidiamo di vivere e amare in questa cosa imprevedibile, folle e incredibile chiamata vita. Gli sforzi sono la nostra scelta”.

“Allora è morto invano…”, dicono tutti. A un anno dalla tragedia del 16enne Lamberto Lucaccioni, è di nuovo allarme ecstasy in Italia. Cosa sta succedendo. E proprio lì…

Pubblicato il alle ore 07:03 Ultima modifica il alle ore 11:31