“Ho rischiato di morire”. Covid, l’attrice lo confessa solo ora. “Per due mesi ho vissuto così”

“Ho temuto davvero di non farcela. Il mio medico, a un certo punto, mi ha pregata di andare all’ospedale, perché le mie condizioni stavano rapidamente peggiorando. Non me la sono sentita, gli ho risposto che avrei preferito morire a casa”. Un’intervista a cuore aperto rilasciata al settimanale a Vanity Fair. Una lotta, quella contro il Covid, dalla quale non si è ancora pienamente ripresa e che l’ha costretta a un isolamento di due mesi.

Chiusa in una stanza della casa londinese dove vive con il marito, François-Henri Pinault, e la figlia tredicenne Valentina. Un’esperienza terribile prima di tornare al lavoro lo scorso aprile sul set di House of Gucci dove interpreta una chiaroveggente condannata per aver aiutato Patrizia Reggiani (interpretata da Lady Gaga) ad organizzare, nel 1995, l’omicidio dell’ex marito, Mauricio Gucci: “È stato un lavoro semplice perché non ho dovuto girare molte scene. Il film perfetto per tornare alla mia vita di prima”.


L’incubo, per Salma Hayek, è ormai alle spalle ma il suo ricordo è vivo. Tanti gli attori colpiti da Covid 19, alcuni come il 35enne Rahul Vohra non ce l’hanno fatta. La notizia della morte dell’attore indiano era stata data lo scorso 12 maggio dalla moglie: “Il mio Rahul ci ha lasciato, lo sanno tutti – ha spiegato la moglie, devastata dal lutto -, ma nessuno sa come… Spero che mio marito ottenga giustizia”.

Se n’era andato poco dopo essere apparso in un video pubblicato sui social in cui criticava la qualità delle sue cure mediche. Nel suo ultimo post su Facebook, l’attore ha aggiunto: “Avrei vissuto se avessi ricevuto un trattamento migliore”, prima di taggare la pagina Facebook del primo ministro.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Salma Hayek Pinault (@salmahayek)


Attrice poliedrica, Salma Hayek vieni ricordata per il ruolo della cameriera messicana Camilla Lopez, musa e amante dello scrittore Arturo Bandini (interpretato da Colin Farrell) in Chiedi alla polvere, basato sul celebre romanzo di John Fante e nel ruolo di Martha Beck in Lonely Hearts. E per essere stata il volto di Frida nel film sulla pittrice del 2002. Pellicola grazie alla quale è stata nominata anche ai BAFTA Award, Screen Actors Guild Award e ai Golden Globe. Un’ interpretazione acclamata dalla critica.

Ti potrebbe interessare: Sport in lutto, il Covid si prende la vita del campione. 30 anni, pochi giorni fa l’ultimo messaggio

Pubblicato il alle ore 18:13 Ultima modifica il alle ore 18:15