Rosy Bindi, 70 anni e addio politica. Non si vede da tempo in tv, che fine ha fatto e come è diventata

Ormai si è allontanata dalla politica, ma è stata una protagonista assoluta della vita sociale e civile italiana negli anni ’90 e negli anni 2000. Oggi ha 70 anni e in passato ha rivestito un ruolo importante all’interno della sinistra moderata italiana. Rosy Bindi si avvicina alla politica dagli anni 80 inizialmente sotto movimenti cattolici moderati, come nella Democrazia Cristiana: era presente al momento dell’assassinio di Vittorio Bachelet nel 1980 per mano delle Brigate Rosse e l’episodio avrà una grande influenza politica su di lei.

Rosy Bindi è stata ministro della salute nel primo governo Prodi (1996) e nel 2006 è diventata ministro per le politiche per la famiglia nel secondo esecutivo del “Professore”. Oggi non fa più parte del Partito democratico, è lontana dalla politica ma non da quello che per tantissimi anni è stato il suo mondo, nonostante la pandemia che la costringe a frenare i suoi ritmi, un po’ come tutti: “Gli incontri col mio universo di riferimento, il mondo cattolico, l’antimafia, le scuole, sono sempre in agenda e tenuti da remoto. Ora sarà Mario Draghi a portarci fuori dalla pandemia”, ha detto in un’intervista a Repubblica.

Rosy Bindi non risparmia nemmeno il suo ex partito, quel Partito democratico che ha contribuito a fondare: “Non è venuto su come si sperava. Non ha identità, vitalità, carattere, presenza. Bisogna avere l’umiltà di ammetterlo. Di tracciare un punto e dire: ricominciamo daccapo. C’è bisogno di trovare nella società nuove idee e nuove persone, raccogliere la spinta che ora sembra mancare”. L’ex presidente del Pd non si riconosce più in quel partito e lo dichiara senza mezzi termini: “Io non ho rinnovato la tessera, non lo sento più mio”.


rosy bindi

Adesso la sua esistenza è decisamente più spirituale. “La passione è il dono meraviglioso della politica. Ma poi viene il tempo in cui hai bisogno di tornare alle radici dell’esistenza”, ha spiegato a Repubblica, raccontando di aver effettuato anche il Cammino di Santiago di Compostela: “Ho scelto il tratto più breve, solo 120 chilometri però in cinque giorni. Non male”.

rosy bindi
rosy bindi

“Alla politica ho dato e ricevuto tanto. Però Camilleri, quando scriveva che non siamo contemporanei a tutte le epoche, diceva il giusto”. Ha cavalcato l’onda finché c’è stata e poi si è fatta da parte, per ritrovarsi in una dimensione nuova, diversa dal capitolo politico ormai, per lei, definitivamente chiuso.

Pubblicato il alle ore 13:12 Ultima modifica il alle ore 13:12