Pamela Prati, dopo gli scandali ritrova il sorriso con lui

“È la mia gioia”. Pamela Prati, finalmente il sereno. Dopo gli scandali ritrova il sorriso con lui

Ricordiamo tutti la Pamela Prati del 2019, quando è finita nel bel mezzo di un polverone assurdo per aver annunciato le sue nozze con Mark Caltagirone, quello che è stato poi definito il suo ‘fidanzato fantasma’. Una volta scopertasi la verità, ossia che non esistesse alcun Mark Caltagirone, la showgirl ha scaricato la responsabilità.

Lo scaricabarile è avvenuto sulle sue due ex manager, Eliana Michelazzo e Pamela Perricciolo. Pamela Prati sosteneva che lei si fosse innamorata dell’uomo attraverso i social. Adesso dopo un lungo periodo di lontananza dal jet set e dai salotti gossippari, la Prati sgancia una notizia davvero sorprendente. Ma attenti, perché anche stavolta niente è come sembra…

Pamela Prati, dopo gli scandali ritrova il sorriso con lui

“Siamo diventati inseparabili…Lui è Angelo…E’ la mia gioia e mi regala spensieratezza e bontà…”, ha dichiarato Pamela Prati, che avrebbe conosciuto il giovane grazie all’amicizia comune con Michela Quattrociocche. Pamela Prati ha confessato di aver ritrovato la felicità anche grazie a lui, che corrisponde al nome Angelo Rifino, art director. Ma dato che niente è come sembra, continuate a leggere!


Pamela Prati, dopo gli scandali ritrova il sorriso con lui

Pamela Prati gli ha dedicato una lunga intervista. Angelo non è altro che un suo giovane amico. E chiunque insinui che i due abbiano una liaison, la showgirl mette in chiaro subito: lei e Angelo Rifino non sono fidanzati, ma la loro è una splendida amicizia che lei non stenta a definire quella tra “anime gemelle”.

“Prima lui era un mio fan e poi è diventato il mio amico speciale. Vive per me regalandomi gioia e tanto amore”, ha ammesso la showgirl, e ancora: “Oggi sono felice ma lo dico sottovoce”. L’ex stella del bagaglino risulta essere single, e in merito all’amore ha confessato: “Avere un compagno mi piacerebbe, ma dovrebbe essere uomo, non maschio, leale e accettare le fragilità“