Nicoletti: “Frequentare i social media non è patologico”