Questo sito contribuisce alla audience di

“Uguale a papà”. Mick, il figlio di Michael Schumacher è cresciuto. 22 anni, ora segue le sue orme: ecco come è diventato

Mick Schumacher correrà in F1 nel 2021. Il figlio di Michael, sette volte campione del mondo, ha firmato con la Haas. E’ stato il team statunitense a dare l’annuncio ufficiale sui social, rilanciando anche il post di Schumi jr: “Il sogno è realtà e io ci ho sempre creduto. Correre per il team Haas in Formula 1 il prossimo anno è incredibile, non potrei essere più felice”, dice il 21enne tedesco, pilota della Ferrari Driver Academy, che intanto è a un passo dalla conquista del titolo del Mondiale di Formula 2 con la Prema (guida la classifica quando manca solo l’ultima gara in Bahrain).

Primo sogno realizzato per il figlio del grande Michael e nipote di Ralf, a sua volta in F1 tra 1997 e 2007. La decisione di diventare un vero pilota risale ai tempi in cui il giovane era attivo nei kart. Ha raccontato così il momento in cui lo riferì al padre: “Lo vuoi davvero?”, ha chiesto e lui rispose con un cenno. Anni di impegno e sacrifici per tenere alta la reputazione di famiglia. (Continua a leggere dopo la foto).


Dunque nel 2021 correrà con la Haas, che ieri aveva già annunciato un altro giovane, il russo Nikita Mazepin. Mick ha iniziato tenendo il cognome della madre, quello di Betsch, proprio per mettere alla prova se stesso e conquistare il cuore dei tifosi a prescindere da un sangue di campione. Poi, però, un annuncio ufficiale: “Sono orgoglioso di chiamarmi Schumacher per quello che papà ha saputo fare, perché è il migliore della storia della F1”. (Continua a leggere dopo la foto).

Ma la storia del giovane Schumacher non ha mai bruciato una sola tappa. Il doloroso choc, dopo il tragico incidente del padre sugli sci di quel 29 dicembre 2013, ha sicuramente segnato per sempre la formazione del giovane Schumi, che si così rimboccato le maniche dedicando al padre ogni suo più piccolo o grande successo.  Poi finalmente l’ingresso nella Driver Academy della Rossa a gennaio 2019 quindi un sogno diventato ormai realtà. (Continua a leggere dopo le foto).

E sulle spalle di Mick, 22 anni a marco, anche il simbolo di un riscatto. Dall’incidente del padre Michael (29 dicembre 2013, sulle piste da sci di Meribel) sono passati quasi sette anni. Nel giugno del 2014 la moglie Corinna ha dato la notizia che Michael era uscito dal coma. Schumacher lasciò l’ospedale dopo 254 giorni di ricovero e da allora è seguito quotidianamente da uno staff di fisioterapisti e neurologi.

“Sì, lo farò!”. Caterina Balivo, i suoi fan non aspettavano altro. L’annuncio della conduttrice fa sognare tutti