Vai al contenuto
Questo sito contribuisce alla audience di

L’orrenda morte del vip: rapito, torturato e pugnalato 94 volte. La fidanzata costretta ad assistere al massacro

  • Gossip
Mehmet Koray Alpergin, il dj turco rapito e torturato: morto a 43 anni

Rapito, torturato e ucciso a sangue freddo. Per questo motivo un 33enne e un 35enne sono stati arrestati e condannati con l’accusa di rapimento, tortura e omicidio. Ad assistere inerme la fidanzata del noto personaggio, dj radiofonico e amico di vip come lo chef turco Salt Bae e il rapper Sean Combs, meglio conosciuto come P Diddy. I due hanno costretto la sua ragazza a sentire le sue urla mentre veniva torturato con una mazza da baseball e l’acqua bollente.

Sui social le foto della bella vita, insieme a personaggi famosi e amici. “Lascia che la vita venga come vuole”, si legge in un post pubblicato sulla sua pagina Instagram, dove si faceva chiamare “The King” e dove era seguito da oltre 10.000 follower.

Elicottero precipita sulla tangenziale, oltre 30 persone impegnate nei soccorsi

Mehmet Koray Alpergin, il dj turco rapito e torturato: morto a 43 anni


Mehmet Koray Alpergin, il dj turco rapito e torturato: morto a 43 anni

Mehmet Koray Alpergin, 43 anni, è caduto in un’imboscata fuori dalla sua casa a nord di Londra ed è stato caricato in un furgone insieme alla sua ragazza Gozde Dalbudak, 34 anni, che era alla sua prima visita nel Regno Unito dalla Turchia. La donna è stata rinchiusa per due giorni nella toilette del ristorante Stadium Lounge, vicino allo stadio del Tottenham Hotspur.

Mehmet Koray Alpergin, il dj turco rapito e torturato: morto a 43 anni

Dopo essere stato denudato, Mehmet Koray Alpergin è stato poi torturato: le 94 ferite inflitte sul suo corpo testimoniano gli abusi a cui è stato sottoposto. È stato strangolato con una corda, ustionato con acqua bollente, pugnalato alla pianta dei piedi e picchiato con una mazza da baseball. Ha riportando la frattura di 14 costole. Anche i suoi genitali mostravano segni di lesioni.

Data la natura del crimine, gli investigatori hanno concluso che l’omicidio presentava tutte le caratteristiche di un collegamento con la criminalità organizzata – e quasi certamente era legato alla droga. L’accusa sostiene che Koray Alpergin sia stato rapito e torturato per essere punito per qualcosa che aveva fatto oppure perché era a conoscenza di qualcosa di pericoloso per la banda che lo ha rapito e aggredito.


Caffeina Logo Footer

Caffeina Magazine (Caffeina) è una testata giornalistica online.
Email: [email protected]

facebook instagram pinterest
powered by Romiltec

©Caffeina Media s.r.l. 2024 | Registrazione al Tribunale di Roma n. 45/2018 | P. IVA: 13524951004