Lorena, uccisa con un’ascia dal compagno e sepolta nel giardino di casa

La tragedia porta il nome di una giovane donna di 37 anni. A dare la notizia della scomparsa di Lorena  Elizabeth Quilogran dalla sua abitazione è stato il compagno Ramón Horacio Báez, di 48 anni, durante la giornata di martedì 5 maggio. La donna viveva insieme al compagno in una casa nella provincia nord  di Buenos Aires, ad Ascension. Il corpo senza vita è stato rivenuto proprio nel giardino dell’abitazione.

Il compagno di Lorena è crollato. Dopo aver chiamato la polizia per denunciare la scomparsa della compagna e dopo aver dichiarato che la donna fosse uscita “per fare una passeggiata” per poi non rincasare, Ramón Horacio Báez crolla e confessa. Il corpo senza vita di Lorena è stato rinvenuto nel giardino di casa ed è emerso in seguito al sopralluogo effettuato dalla polizia. (Continua a leggere dopo la foto).


È stato il compagno di Lorena a indicare alla polizia dove era stata seppellita Lorena, uccisa per mani dello stesso uomo che diceva di amarla. Ancora non sono stati resi noti i motivi che hanno spinto l’uomo a compiere il tragico gesto, ma quel che si è appreso è che Lorena è stata fatta a pezzi con un’ascia e seppellita. Ramón Horacio Báez è stato arrestato subito dopo la confessione. (Continua a leggere dopo la foto). 

La sorella di Lorena, Macaela ha scritto di recente sui social: “Come hai potuto farlo a mia sorella? Come hai potuto chiamare mia madre ieri sera dicendo che eri devastato, quando l’avevi già uccisa? Ha lasciato tutto per te ed è così che l’hai ripagata di ciò che ha fatto ”, per poi aggiungere: “Non gli hai dato la possibilità di conoscere suo nipote. Desiderava vederlo, stare con noi, con i suoi figli e non glielo hai lasciato fare, codardo. Spero che tu paghi per quello che hai fatto. Ci hai ucciso, hai rovinato le nostre vite ”. (Continua a leggere dopo la foto).

La morte di Lorena  Elizabeth Quilogran lascia la piccola comunità di Ascension, nella provincia nord di Buenos Aires, sotto choc. Lo sfogo della sorella di Lorena è straziante e si unisce al vuoto incolmabile che ha lasciato la donna nelle vite dei suoi cari. Un altro caso di femminicidio, quello di Lorena, consumato proprio in un luogo ritenuto sicuro, ovvero nella propria casa, e inferto per mani di chi mai sarebbe stato messo in dubbio in nome di un amore rivelato del tutto inesistente.

“No!”. E sul caso Michelle Hunziker interviene anche Lorella Cuccarini. Lo ha voluto dire

Pubblicato il alle ore 13:06 Ultima modifica il alle ore 13:10