Vai al contenuto
Questo sito contribuisce alla audience di

“Così ho tentato di suicidarmi”. Lele Mora ora può parlarne: “Mi sono risvegliato in infermeria”

Un racconto dolorosissimo, che ha scosso tutti. Lele Mora ha mostrato coraggio ed ha parlato di uno dei momenti peggiori della sua vita. Ospite del programma televisivo ‘L’Arena’ condotto da Massimo Giletti, l’ex agente dei vip ha confessato di aver tentato il suicidio in passato ed ha anche spiegato il modo nel quale avrebbe voluto compiere l’estremo gesto. Il periodo drammatico è quello trascorso dietro le sbarre, che gli ha fatto vedere tutto buio. Una situazione difficile da sopportare.

Dunque, nell’intervista con il conduttore televisivo ha rivelato in diretta: “Tentai il suicidio sigillandomi naso e bocca con i cerotti che tenevano insieme l’abat-jour rotta. Premesso che sono contrario a qualunque droga e che l’unica polvere bianca è quella sui mobili di casa, sono stato condannato per evasione fiscale, bancarotta e favoreggiamento della prostituzione”. In seguito è sceso ancora di più nei dettagli e si è soffermato sulla durissima vita all’interno di un carcere. (Continua dopo la foto)


Mora ha aggiunto: “Passai 13 mesi in completo isolamento in un cubicolo nel carcere di Opera, controllato a vista, con 40 gradi d’estate, senza un ventilatore. Niente fornello per cucinare. Mangiavo solo tonno. Frutta e verdura dovevo tenerle al fresco nel lavandino in cui mi lavavo. La finestra con doppie sbarre era priva di vetri, per impedirmi atti autolesionistici. D’inverno la temperatura scendeva quasi a zero. Ottenni un piumone solo grazie al certificato dello psichiatra”. (Continua dopo la foto)

A causa di questa situazione diventata ormai insostenibile, tentò quindi di togliersi la vita: “Sì, tentai il suicidio sigillandomi naso e bocca con i cerotti che tenevano insieme l’abat-jour rotta. Mi risvegliai in infermeria. Ma non parliamone, è un ricordo terribile”, ha chiosato l’uomo. Nonostante queste gravissime problematiche, ora Lele ha annunciato comunque di aver ormai superato perfettamente la depressione e di riuscire quindi a condurre una vita decisamente più normale. (Continua dopo la foto)

Qualche mese fa aveva comunicato a tutti di essere affetto da un cancro: “Sì, il cancro è maligno ed è situato tra i polmoni ed i reni. Adesso farò quel che c’è da fare. Ma non avrei voluto dare questo nuovo dispiacere ai miei figli, non se lo meritano”. Poi in generale: “Ho fatto tanti errori, come tutti. Eppure non ho rimpianti. Il peccato più grande è l’ arroganza. Ne ho avuta, mi sono sentito invincibile”.

“La sua morte mi ha svegliata”. Eleonora Daniele: la confessione è davvero toccante