“Sono stato abusato”. Lapo Elkann choc: il trauma che si porta dietro da anni. E ne parla con coraggio

Lapo Elkann è il rampollo della famiglia Agnelli che più volte, nell’arco della sua vita, è stato al centro delle polemiche per le sue esagerazioni. L’imprenditore e direttore d’azienda, attualmente presidente e maggior azionista in Borsa della Italia Independent Group e componente del consiglio di amministrazione della Ferrari N.V., è un uomo da sempre molto chiacchierato. Vuoi per le vicende amorose (ambigue), vuoi per l’abuso di sostanze stupefacenti che lo hanno persino mandato in overdose. È seguito un periodo di disintossicazione e ora Lapo Elkann sta bene. Ma la sua vita, a differenza di quel che si possa pensare, non è stata facile.

Come ha raccontato lui stesso in un video pubblicato su Twitter, Lapo ha svelato un tremendo retroscena della sua infanzia. Che cosa gli è successo? Lapo Elkann è stato vittima di abusi sessuali quando era solo un bambino. La notizia ha lasciato tutti a bocca aperta (anche se non era la prima volta che ne parlava). Lapo ha registrato un video su Twitter in occasione della Giornata dell’infanzia. Continua a leggere dopo la foto


“Oggi, il 20 novembre si celebra in tutto il mondo la Giornata internazionale dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza. Come ho avuto modo più volte di raccontare pubblicamente da bambino ho sofferto sia di dislessia sia di sindrome di iperattività e sono anche stato abusato sessualmente, ma non è un giorno in cui voglio parlare né di me né di quello che è successo a me!”, ha raccontato nel video Lapo Elkann. E ha aggiunto… Continua a leggere dopo la foto

“Voglio parlare dei bambini, dell’infanzia e di questi giovani. E vorrei parlare di LAPS, Libera Accademia per progetti sperimentali. LAPS si occupa proprio di questo. Lavora sulla dislessia, lavora sull’iperattività, lavora sui problemi legati alla dislessia, sui problemi legati all’iperattività, su problemi legati agli abusi e si occupa proprio di riportare, di ridare e di ridonare il sorriso e la felicità a bambini e ad adolescenti che non hanno le stesse possibilità e opportunità e privilegi che ho avuto io nella mia vita!”. Continua a leggere dopo la foto


{loadposition intext}

Il nipote di Gianni Agnelli ha subito la violenza all’età di 13 anni, in collegi. Il motivo per cui ha deciso di parlarne è per sensibilizzare e aiutare i bambini che hanno vissuto la sua stessa situazione. La nuova iniziativa che lo vede protagonista si chiama LAPS e sta per Libera Accademia per Progetti Sperimentali. Si tratta di un’associazione che lavora proprio sui problemi legati alla dislessia, all’iperattività e alle conseguenze degli abusi sessuali, cercando di far ritornare il sorriso alle giovani vittime.

Lapo Elkann e lo scandalo della trans Patrizia, ecco come sono andate davvero le cose. La verità (bomba) è svelata