I sette modi con cui Facebook rovina la vita

I social hanno cambiato la nostra vita: questo è sicuro. In meglio? In peggio? Il dibattito è senza fine anche perché, come sempre accade, ogni cosa nuova porta con se elementi positivi ed elementi negativi. Così è sempre stato e cosi sempre sarà. Per i pessimisti ecco sette segnali rivelatori sul modo in cui Facebook sta rovinando la nostra esistenza: conoscerli – è la teoria del “Daily Express” – può già essere un primo passo per capire quanto grave sia la “dipendenza”.


 

1) Facebook rovina i programmi tv preferiti

Avete registrato la puntata finale della vostra serie del cuore per potervela guardare in santa pace, ma fate l’errore di fare login sulla vostra pagina Facebook prima di sedervi sul divano ed ecco che nell’elenco delle notizie compare anche lo status di quell’amico che non vedete mai, ma che in due righe riassume tutto quello che non avete ancora visto. E che ovviamente a quel punto vi passa la voglia di vedere.

 

 

 

2) Facebook  fa lavorare male

Scena tipo: è lunedì mattina e il vostro capo vi ha appena assegnato un compito da svolgere che richiederà secoli prima di essere portato a termine. La logica consiglierebbe d’iniziare subito, ma che male volete che faccia una visitina al vostro profilo? Detto fatto e le successive tre ore volano via fra commenti e “like” agli status altrui, mentre il vostro foglio Excell resta penosamente vuoto. Non stupitevi perciò se vi arrivasse una lettera di richiamo.

3) Facebook trasforma gli amici in pessimi amici

La vostra migliore amica si è appena fidanzata (o magari sposata o ancora ha scoperto di essere incinta) e voi per tutta risposta cosa fate? Anziché scriverle – a mano! – un biglietto carino di felicitazioni o mandarle dei fiori per celebrare la lieta novella, postate un commento sulla sua bacheca. E poco importa che mettiate “mi piace” alle cinque foto che ha appena pubblicato: non si fa e basta. D’accordo che conta il pensiero, ma a volte serve pure un gesto, non social ma vero. Almeno per una volta.

 

4) Facebook disturba il sonno

Avete avuto una giornata piena e anche se sono appena le nove di sera, decidete di fiondarvi a letto in compagnia di una bella tazza di latte caldo. Ma ecco che, proprio mentre state per addormentarvi, vi viene in mente che non avete dato un’ultima occhiata alla vostra cerchia di amici social: vuoi mai che sia successo qualcosa di clamoroso a qualcuno di loro? Ovviamente non è così, ma nel frattempo si è fatta l’una e le vostre buone intenzioni riposanti sono andate a farsi benedire. Però in compenso ora sapete tutto sull’ultima conquista della vostra amica.

 

5) Facebook crea ansia

Avete appena postato online la foto di un sabato sera divertente trascorso con la vostra amica del cuore: d’accordo, siete entrambe un po’ alticce e si vede da come ballate, ma il look è di quelli giusti per cuccare e non potete non fare colpo. E invece vi ritrovate con appena due “mi piace”, uno dei quali di vostra mamma, e vi prende l’ansia da prestazione social: mani e fronte sudate e la consapevolezza che non vi riprenderete mai dalla vergogna se non otterrete almeno 20 like.

 

6) Facebook è diventato uno “sfogatoio”

Nel senso che ha sostituito il cuscino dell’era pre-Zuckerberg sul quale sfogavate la vostra frustrazione (o riversavate tutte le vostre lacrime) dopo un litigio: non a caso, ora sulla vostra bacheca tendete a postare di tutto e di più (e spesso anche a sproposito), solo per attirare quell’attenzione che pensate di meritare (e di non ricevere in dosi sufficienti).

 

7) Facebook procura la paura “di essere tagliati fuori”

Una forma di ansia sociale da nuovo millennio che vi spinge a fare costanti paragoni con le vite social degli altri, trovandole infinitamente più interessanti della vostra e dandovi così la sensazione di perdervi sempre il meglio delle cose.