Fred, il social di prossimità per scambiarsi i libri

Un social network dove chiunque ha la possibilità di condividere il proprio patrimonio librario: l’idea è di un padovano di 36 anni, Giacomo Sbalchiero, che un giorno ha deciso di mettere a disposizione la sua ricca collezione di libri : «Avrei voluto catalogarli, i libri – continua – anche per prestarli; ma i sistemi in Dos dell’epoca erano parecchio macchinosi, così ci avevo rinunciato. Anni dopo ho scoperto i data base online, gli share-file, e ho pensato: perché non creare una piattaforma di scambio? Piattaforma poi disegnata dai Code Rockers, team di sviluppatori interno a «Onspace», pre-incubatore della provincia di Padova».  FRED è un social network “di prossimità” che, oltre a mettere in contatto le persone desiderose di  scambiarsi dei libri, permette loro di incontrarsi fisicamente, grazie ad un sistema di indicizzazione di ogni singola libreria in base alla città di provenienza dei lettori-utenti. «Ci si profila indicando dove sono i libri (un indirizzo) – spiega Giacomo – e si aggiungono al proprio account i titoli che si è disponibili a condividere. Quando si cerca un libro, Fred restituisce i risultati in ordine di vicinanza e aiuta a gestire il passaggio e tenerne traccia». Gli utenti possono incontrarsi nei “Fred Point”, il primo dei quali è stato inaugurato da «Bread & Breda», una panetteria di Padova. «La piattaforma non costerà mai nulla agli utenti; sarà sempre assolutamente gratis; ma i Fred Point pagheranno una piccola fee (un compenso); d’altra parte, un luogo di scambio aumenta i potenziali clienti. C’è più giro. Inoltre, ci proponiamo anche di gestire biblioteche aziendali: un catalogo online è un valore, e consente all’azienda di risparmiare sul personale dedicato».