Fabio fulco compleanno da papà figlia

L’attore compie 50 anni: è il primo compleanno da papà. “Ci sono auguri che non hanno prezzo”.

I primi 50 anni e il primo compleanno da papà. L’attore italiano non può essere più felice e appagato di festeggiare un traguardo importante con i suoi amori: la compagna Veronica e la figlioletta Agnes che pochi giorni fa ha compiuto un mese di vita. È nata infatti lo scorso 28 giugno e il suo famoso papà aveva trovato un modo molto originale per dare la notizia ai fan.

“Oggi é il giorno più bello della mia vita!”, poi una curiosa foto sui social, in cui ha ritratto una statua che mostra una persona che tiene tra le braccia un bebè. Non una parola di più, nessuna foto e anche sull’account della fidanzata zero notizie, ma tanto è bastato per far capire che la figlia dell’attore era nata. Una gioia immensa per Fabio Fulco e la sua compagna, Veronica Papa, che ora celebra al meglio i suoi 50 anni.

Fabio Fulco, il primo compleanno da papà

Fabio Fulco non potrebbe desiderate di meglio: Veronica Papa, che ha la metà dei suoi anni, e la bimba fortemente voluta, ha trascorso senz’altro il compleanno più bello della sua vita. E che dire degli ‘auguri’ della piccola Agnes, che indossa un tenerissimo body con su scritto: “Buon compleanno papà”? E lui commenta sotto: “Ci sono auguri che non hanno prezzo”.


Sempre a mezzo social arriva anche la dedica della sua Veronica: “Se ci penso sembra una vita fa…ma poi soffermandosi pare sia ieri. Questo è vivere con Te. In un batter d’occhio, da ‘fidanzatini’ che facevano le fughe per il mondo, a genitori…! Mi hai regalato le più grandi emozioni della vita e mi hai fatto conoscere l’Amore”, scrive la compagna di Fabio Fulco su Instagram.

E ancora: “Auguri amore mio che fai diventare i giorni grigi comunque raggianti…che solo con i tuoi occhi sai sciogliermi…come se fossi uno dei Fantastici Quattro… E che grazie a te abbiamo messo al mondo la bambina più bella ed incredibilmente stupenda del mondo, diventando un Padre impeccabile. Ti amo follemente”, la conclusione.