Crisi in vista? Lo sfogo di Gigi D’Alessio sulla Tantangelo: “Anna non mi considera più…”

Gigi D’Alessio ha rilasciato un’intervista al Fatto Quotidiano per chiarire alcune vicende giudiziarie che lo coinvolgono, confidando che Anna Tatangelo non si fida più di lui. Il cantante ha creduto troppo spesso a persone che alla fine si sono solo approfittate di lui e adesso la compagna, ogni volta che Gigi deve compilare documenti o contratti, si rivolge al suo avvocato per chiedere una consulenza. ‘’Non ha fiducia e fa bene – il cantante sorride -. Ogni volta che le presento un documento, un contratto da firmare, lo vaglia insieme con il suo avvocato. Non considera più la mia opinione. E questa è una cosa che pesa’’.

(Continua a leggere dopo la foto)


Gigi D’Alessio prosegue raccontando alcune vicende giudiziarie in cui è stato coinvolto, come quello con Cottone, ex marito di Valeria Marini, per riportare la Lambretta in Italia. ‘’Quello della Lambretta era il mio grande sogno, ne parlo per la prima volta. Pensavo al futuro, a quello che avrei lasciato per i miei figli e al Sud. Qualcosa che andasse al di là della musica. Un progetto fallito che ancora oggi mi fa stare male. Volevo dare lavoro ai disoccupati della Campania, riportare da Taiwan la produzione degli scooter Lambretta. Si stimavano tremila nuovi posti di lavoro. Dico solo che avevamo comprato gli stampi di fabbrica e eravamo in trattativa con la Fiat per acquisire i capannoni dell’Irisbus di Avellino. Il mio obiettivo era assumere le migliaia di lavoratori licenziati (…) Cottone mi aveva nascosto alcuni ostacoli del business. Non mi aveva riferito che il marchio Lambretta, di proprietà di un’azienda indiana, era già stato venduto agli olandesi e che lui era in causa con questi ultimi. Ma era convinto di vincerla. È intervenuta una sentenza del tribunale di Milano a spegnere il mio sogno (…) Per quanto mi riguarda devo 3 milioni di euro da restituire in 20 anni a una banca lombarda’’. Il cantante ha ha infine rivelato: “Non sono né un truffatore né un rapinatore. Ho firmato contratti con troppa facilità. Sono stato un ingenuo a credere nell’amicizia”.

Potrebbe anche interessarti:Ancora guai per Gigi D’Alessio, questa volta non ha pagato una Mercedes da mezzo milione. Ecco cosa rischia…

Pubblicato il alle ore 17:02 Ultima modifica il alle ore 17:33