Il trucco per far aderire la mascherina chirurgica al viso come fanno i dottori (e proteggersi meglio)

Con l’avvio della fase 2 dell’emergenza coronavirus sono entrate in vigore alcune nuove norme che accompagnano i nuovi allentamenti delle limitazioni. Nel momento in cui il distanziamento sociale diventa difficile da mantenere visto il lento rientro alla ‘normalità’ è fondamentale prevenire il contagio utilizzando ogni mezzo possibile.

Per questo motivo l’utilizzo della mascherina è fondamentale per tutelare la nostra salute e quella delle persone che ci circondano. L’uso del dispositivo di sicurezza è fortemente raccomandato nelle aree al di fuori della proprietà privata ed è obbligatorio in parchi, giardini comunali, ville pubbliche, cimiteri, locali privati ad uso pubblico, locali adibiti ad attività commerciali, mezzi di trasporto pubblico. (Continua a leggere dopo la foto)


Nelle prossime ore dovrebbe essere siglata un’intesa tra il Commissario per l’emergenza Domenico Arcuri, l’Associazione Distributori di Farmaci (Adf) e Federfarma per la distribuzione alle farmacie di 10 milioni di mascherine che saranno vendute al pubblico a 50 cent più Iva. Secondo l’accordo, i farmacisti pagherebbero a 38-40 centesimi le mascherine all’ingrosso, con un guadagno di circa 10 centesimi alla vendita per ognuna, raddoppiato rispetto ai mesi precedenti all’ emergenza. (Continua a leggere dopo la foto)

Ma come si indossa correttamente la mascherina? Indossarla o gestirla in modo scorretto, infatti, potrebbe paradossalmente aumentare il rischio di infettarsi. Il primo accorgimento è quello di lavare le mani prima di indossarla con acqua e sapone o con un disinfettante delle mani a base alcolica in modo da non contaminare il dispositivo. Ma c’è un’altro modo per rendere più sicuro l’utilizzo della mascherina chirurgica. (Continua a leggere dopo la foto)

{loadposition intext}

A spiegarlo è una dottoressa del Corniche Hospital di Abu Dhabi, che in un video su Instagram ha mostrato come con pochi passaggi si può rendere una mascherina chirurgica più avvolgente, eliminando così ogni potenziale via di fuga per le secrezioni respiratorie.

Coronavirus: aria condizionata e ‘fattore vento’. I virologi: “A cosa fare attenzione”