Choc in sala parto. La futura mamma urla e si contorce dal dolore poi scopre che la sua bimba non nascerà. Gelo totale. Ma il finale non è scontato come sembra

 

Era tutto pronto per l’arrivo della sua bambina. La mamma, che l’attendeva trepidante, aveva passato mesi a sistemare la cameretta della futura nata. Le aveva comprato tante tutine rosa e tanti vestitini. Anche ciucci e biberon. Giochini e tutto quello di cui un bimbo ha bisogno quando nasce. Tutto, insomma, era pronto per Hinata. E la mamma non vedeva l’ora di conoscere la creatura frutto del suo grande amore.

Poi arriva il grande giorno, quello del parto. La mamma – l’australiana Koto Nakamura – ha le doglie e viene portata in ospedale, poi in sala parto. Ed è proprio lì che le arriva l’enorme choc. 


(Continua a leggere dopo la foto)

{loadposition intext}

Che viene immortalato dalla fotografa Jessica Jackson, di Hobart, che da quattro anni si dedica a servizi fotografici in sala parto. 

La mamma è lì in travaglio che soffre, grida, si contorce dal dolore fin quando non le dicono che Hinata non nascerà mai. Silenzio. 

Nessuna tragedia, fortunatamente. Solo una ‘’piccola’’ incomprensione. 

(Continua a leggere dopo la foto)

‘’È un maschietto’’ fa sapere a tutti l’ostetrica quando tira fuori il bimbo. E la madre, che aveva organizzato tutto per Hinata, resta senza parole. Anzi, resta così, come la vedete in questa foto che, da quando inizia a circolare, diventa virale. 

(Continua a leggere dopo la foto)

La fotografa lì presente immortala l’attimo e spiega: ‘’Stavo cercando di immaginare come potesse sentirsi una mamamma di fronte a una situazione del genere’’.

‘’Il mio choc è durato giusto un momento – ha fatto sapere Koto – lì per lì sono rimasta senza parole. Ma la realtà è che non mi importa se è un maschio o una femmina, basta che sia sano. Sono felice di questo bimbo’’. 

Leggi anche: Un insopportabile prurito nell’orecchio e la decisione di andare in ospedale. Scoperta (orribile) dei medici: ecco cosa gli tirano fuori con la pinzetta (tenetevi forte)

Pubblicato il alle ore 10:25 Ultima modifica il alle ore 11:51