“Un messaggio da Vittoria…”. Chiara Ferragni, la figlia ancora in ospedale. Le sue condizioni

Sono passati alcuni giorni da quando Vittoria, la figlia di Chiara Ferragni e Fedez è stata costretta a ricorrere alle cure mediche per gli effetti del virus respiratorio sinciziale. Un virus che sta colpendo tantissimi neonati in tutta Italia. Si tratta di un agente virale capace di infettare l’apparato respiratorio di pazienti di qualunque età, ma principalmente bambini nei primi anni di vita, che sta colpendo in tutta Italia piccoli pazienti, con reparti pediatrici e terapie intensive degli ospedali in difficoltà.


E’ “un’epidemia arrivata con 2 mesi di anticipo”, ha spiegato all’Adnkronos Salute Fabio Midulla, presidente della Società italiana per le malattie respiratorie infantili .Il virus respiratorio sinciziale se contratto nei primi mesi di vita del bambino provoca forme di bronchiolite gravi, con manifestazioni cliniche nelle basse vie respiratorie, mentre nei bambini più grandi e negli adulti si risolve con sintomi lievi, come rinofaringite, febbre o tosse. Ma i neonati sono spesso protetti dagli anticorpi materni che si ‘trasmettono’ attraverso la placenta. Sulla forza del virus aveva parlato Chiara Ferragni.

Chiara Ferragni

Chiara Ferragni, la foto di Vittoria rassicura i fan

Chiara Ferragni che poche ore fa è tornata a parlare delle condizioni della figlia. Anche stavolta, l’imprenditrice e il rapper hanno aggiornato i fan con post e stories su Instagram, ringraziando tutti per l’affetto costante dimostrato in questi giorni. Sorridente e con un peluche bianco fra le mani, la secondogenita dei Ferragnez sembra stare molto meglio. “Vittoria vuole ringraziarvi per i dolci messaggi e i pensieri affettuosi. Questa è lei ora, si sente bene”.


chiara ferragni


Dopo giorni di tensione per Chiara Ferragni e Fedez sta finalmente tornando il sereno. Una preoccupazione legittima. Ad oggi, per questo virus, non esiste un vaccino specifico, ma sono in corso “tre sperimentazioni in fase III di vaccini per le mamme e terapie con anticorpi monoclonali. Indicati però solo per bimbi prematuri e particolarmente fragili, quali i cardiopatici”, ha ricordato Midulla.

chiara ferragni fedez


In attesa dei vaccini resta la prevenzione “l’arma principale, che consiste nelle misure di precauzione quali il lavaggio delle mani, le mascherine, il monouso dei fazzoletti da buttare sempre nella spazzatura, il distanziamento nel caso di un fratellino più grande malato e il non mandare a scuola i bambini prima che siano guariti”, in quanto fonte di contagio. Per Chiara Ferragni e Vittoria il peggio sembra alle spalle.

Pubblicato il alle ore 18:31 Ultima modifica il alle ore 18:31