Amanda Knox Aborto Confessione

“Forse colpa di quello successo in Italia…”. Amanda Knox, il dramma dell’aborto e l’accusa non proprio velata

Amanda Knox è stata al centro di uno dei fatti di cronaca più gravi degli ultimi anni in Italia, l’omicidio della studentessa Meredith Kercher a Perugia. Dopo aver affrontato il processo, è stata assolta ed è poi tornata negli Stati Uniti d’America. Lei è diventata anche una scrittrice, ma nelle scorse ore ha raccontato un episodio drammatico che l’ha colpita. Ha infatti perso il bebè che portava in grembo. Un aborto che l’ha evidentemente segnata, come ha riferito lei stessa in una puntata del suo podcast.

Arrestata dopo la condanna in primo grado e poi scagionata definitivamente dalla Corte di Cassazione per l’omicidio della studentessa inglese, in un post di qualche tempo fa Knox ha ricordato pure i tempi passati dietro le sbarre, nel carcere di Perugia. “Mi viene in mente la mia cella nella prigione di Capanne. Sono passati quattro anni e mezzo da quando sono tornata a Seattle dall’Italia. Fino a poco tempo, quegli anni per me sono stati un giro da incubo sulle montagne russe, un dramma legale”.

Amanda Knox Aborto Annuncio Podcast Italia

Dunque, Amanda Knox ha vissuto una delle esperienze più dolorose che possa vivere una donna e ha ammesso di aver sofferto tanto. A riferire le sue parole ci ha pensato il sito ‘Daily Mail’. Questo quanto dichiarato dalla donna, che nella giornata del 9 luglio ha compiuto 34 anni: “Sono andata in bagno a prendere le pillole e poi mi sono semplicemente sdraiata sul letto e ho aspettato che succedesse qualcosa. Ero confusa, possibile che il mio corpo non sapesse di questo aborto spontaneo?”.


Amanda Knox Aborto Annuncio Podcast

Questo aborto si è verificato esattamente durante il periodo più duro della pandemia e Amanda Knox ha continuato così a raccontare il fattaccio: “Non ho preso gli antidolorifici, pensavo che non ne avrei avuto bisogno. Ci è voluto circa mezz’ora prima che sentissi qualcosa. Un dolore addominale come non ho mai provato prima. Stavo tremando, alla fine non ce la facevo più, ho avuto bisogno delle pillole. Ne ho prese un po’ e dopo mezz’ora sono stata meglio”. E poi ha parlato anche il marito.

Poi il coniuge Christopher Robison ha spiegato: “Mia moglie Amanda Knox è stata distrutta dal dolore”. Poi è stata ancora la giovane a proseguire la confessione dolorosa: “Per due giorni ho partorito sangue, batuffoli di sangue. E mi chiedo se in Italia possa essere accaduto qualcosa che mi abbia provocato problemi di fertilità o se sono semplicemente troppo in là con l’età”. Saranno i medici eventualmente a stabilirlo.

Pubblicato il alle ore 18:03 Ultima modifica il alle ore 18:03