“Minacciata di morte…”. Serena Enardu, arriva la denuncia. È successo tutto dopo quel fatto choc


La settimana scorsa l’ex tronista di ‘Uomini e Donne’, Serena Enardu, ha partecipato ad una festa di compleanno in compagnia della sorella gemella Elga. È stato dopo che la Enardu ha postato su Instagram le foto e i video della torta di compleanno dell’amica, che la bufera è scoppiata. Sulla torta di compleanno c’era una svastica nazista. L’ex gieffina e sua sorella Elga in seguito si sono scusate con i loro follower. “Se, in qualche modo, abbiamo toccato la sensibilità di qualcuno chiediamo scusa. Assolutamente. Perché siamo state superficiali anche noi a non renderci conto che era un contenuto che non andava postato. Però, a volte, ci sono dei momenti di leggerezza e non sempre si pensa proprio a tutto.”.

Proseguendo poi: “Quindi ribadiamo le nostre scuse e ci dispiace che la notizia sia stata strumentalizzata, come sempre, da alcuni blog che hanno voluto descriverci nel modo più comodo per loro, perché la notizia fosse così interessante, però purtroppo non è così”. A quanto pare loro non si sono accorte della svastica, ma la colpa è stata dei media che hanno strumentalizzato l’accaduto facendone un caso. Infatti non è assolutamente finita qui, come se non bastasse ieri l’ex concorrente del Grande Fratello Vip ha promesso che voleranno querele. (Continua dopo le foto)











“Ero in ferie e volevo stare calma, e invece c’è questa situazione è alquanto assurda. Però le cose non mi scivolano addosso. Mi si girano le scatole. sSono stata appellata ignorante, in mille modi da giornalisti, influencer, laureati che probabilmente prima di aprire la bocca non hanno dato neanche una lettura alla legge perché io non ho commesso alcun reato ma ne ho subiti diversi. Io non starò ferma a guardare. Le persone mi dicono ‘stai tranquilla che tra poco non se ne parlerà più e succederà altro’. No, non mi va bene, perché non ho commesso reati. Io sono vittima di reati. Persone che hanno innescato tutto, poi c’è chi mi insulta, chi mi minaccia di morte.”. (Continua dopo le foto)



A quanto pare Serena Enardu a un decoroso silenzio ha preferito fare la vittima: “Quelle persone stanno commettendo un grandissimo reato.Io adesso interrompo le mie ferie e mi dedicherò a guadagnare qualcosa da voi perché non esiste, non è giusto, che la stampa, che le persone aprano bocca e mi appellino come ignorante quando i primi ignoranti siete voi. Lo dico ai giornalisti, agli scrittori ai direttori. Andatevi a leggere la legge e poi ci rivedremo sicuramente in un’altra sede. Il mio telefono finirà in procura. Se continuate per me sarà un vantaggio”. Chiedere semplicemente scusa e stare alla larga per un po’ dai social non è stato contemplato nemmeno per un istante.

“Un bluff”. Gemma Galgani, i guai per la dama non finiscono mai: l’accusa è pesantissima

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it