“Divina!”. Pamela Prati sempre più bollente sui social: lo scatto (a 61 anni) toglie il fiato


Il caso Prati ha fatto tremare e pareti di casa D’Urso. Di recente abbiamo visto Carmelita come ospite del salotto di Verissimo, dove ha pubblicamente parlato delle accuse ricevute da Massimo Giletti: il ‘caso’ Prati non è stato gestito bene. Barbara ha controbattuto, affermando che non può dedicare tempo alle critiche e che Pamela Prati avrebbe sfruttato il successo del suo programma per dare lustro e seguito alle sue apparizioni pubbliche durante le serate in pubblico. Ovviamente anche Pamela Prati si è espressa, con parole non troppo carine nei confronti di Carmelita.

“Per me è offensivo essere associata al programma”. E il riferimento a difesa di Massimo Giletti: “Inopportuno tirarlo in causa dopo il lutto”. Il “Prati-gate” sembra inarrestabile e torna a porsi al centro della scena. Ma Barbara D’Urso non sembra essere molto propensa a dare retta alle critiche: “Giletti si è accanito contro di noi che siamo sotto testata giornalistica, io sono molto orgogliosa di essere una testata giornalistica. Mi fa ridere che ora Pamela Prati fa le serate e sulle locandine mette il logo di Live scrivendo Dal salotto di Barbara D’Urso”. Prima non andava bene e ora sì. Io combatto per le persone vittime di ingiustizie sin da piccola. Combatto, dico la mia. Ma tutte le persone di successo sono attaccate. Ma io e te, Silvia, siamo donne strutturate e non ci importa delle critiche. Quelli che vanno combattuti sono gli hater che fanno bullismo sui giovani”. (Continua dopo le foto).













Non tarda ad arrivare la risposta di Pamela Prati. Dopo aver smentito l’accusa fatta da Barbara, ha aggiunto: “Non ho mai fatto alcuna serata utilizzando il logo di Live Non è la d’Urso. È vero che hanno fatto per una mia partecipazione una locandina, di recente, che riportava un generico logo Live… Ma non è mai stata da me autorizzata e dopo averla vista ho chiuso qualunque rapporto lavorativo con la struttura. Per me era impensabile essere associata a quel programma. […] È per me ridicolo sentir dire da un programma, in persona di chi lo conduce, che ha vissuto per mesi usando il mio nome, che ora io userei il loro nome!”. Per Pamela, le cose sono state viste secondo l’esatto contrario. E lo ha detto, ribadendo la sua totale innocenza. (Continua dopo la foto).



“Per me è offensivo essere associata a un programma che sfrutta le persone e le situazioni, che non fa le dovute verifiche e che, anche a verifiche fatte, dà delle cose la visione più economicamente utilitaristica per loro, seppur falsa. Live Non è la d’Urso ha utilizzato per una stagione intera, e facendo ascolti da record ovviamente mai più fatti, il nome di Pamela Prati. Pamela Prati invece non ha mai fatto serate e mai lo farebbe utilizzando un nome da cui tiene ampiamente le distanze. Non ritengo che essere accostata a quel programma mi dia pregio, anzi e non ho nulla a che vedere con lo stesso”. E poi il riferimento a Massimo Giletti: “Parlare di lui, a distanza di qualche giorno da un lutto molto importante che lo ha colpito, denota proprio lo spessore delle persone. Non perché non se ne possa parlare, ma perché magari va rispettato lo stato d’animo delle persone. Ops, scusatemi, ho sbagliato! Ho parlato di rispetto!”. L’ennesimo episodio di gossip non sembra, però, togliere bellezza e serenità alla Prati: avere 61 anni e non sentirli. Ecco la prova. (Continua dopo le foto e il post).

 

Visualizza questo post su Instagram

 

ℂ , .

Un post condiviso da (@pamelaprati) in data:

L’ultimo post su Instagram conferma la bellezza intramontabile di Pamela Prati. Nonostante attacchi e controbattute, nulla sembra scalfire la giunonica figura di Pamela, che alla splendida età di 61 anni, può vantare un corpo a dir poco perfetto. I commenti dei fan non fanno che sottolineare proprio questo. Pamela è bellissima ed elegante, nel suo bellissimo abito nero di paillettes, segnato da una profonda scollatura sul retro, che sposta in primo piano la schiena nuda della Prati. “Divina!”, “Il top sei”, “Capolavoro”, “Che Venere”. La lista sembra non terminare. Eppure, Pamela non è stata e non è solo una splendida donna. Nel suo libro autobiografico, le parole della Prati lasciano emergere qualcosa di significativo:  “Voglio raccontare anche le passioni della mia giovinezza, la carezza del pubblico che lenisce il dolore come una medicina, e i grandi amori, vissuti con tutta me stessa […] Voglio raccontare, in questo libro, la vita di una donna fragile e forte, che è caduta tante volte ma altrettante si è rialzata. Che si sia sempre rialzata, e splendidamente, nessuno lo mette in dubbio.

“Così no!”. Amici 19, la notizia adesso è sicura: Maria De Filippi sulla graticola

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it