Sorpresa per Piero Pelù: la moglie era a Sanremo per la finale. Mai vista Gianna? Foto


Una coppia particolare, ma ricca di amore e di condivisione, quella formata da Piero Pelù e la moglie Gianna Fratta. Entrambi vivono di passione e soprattutto di musica. Infatti Gianna è direttrice d’orchestra.  Alla finale del Festival di Sanremo ad assistere Piero Pelù c’era anche lei, l’unica donna in grado di ‘domare’ il fantastico diablo. Solitamente si tiene lontana dal gossip, ma Sanremo 2020 è riuscito a fare uscire fuori dai binari persino lei, che non solo si mostra in pubblico, ma che, attiva sul social, ha lanciato anche un appello al voto. Piero Pelù e Gianna Fratta si sono sposati il 14 settembre 2019.

La cerimonia tra il rocker fiorentino e la dama foggiana non poteva che essere unica nel suo genere. Hanno convogliato a nozze nel 2019 con una cerimonia in grande presso Palazzo Vecchio a Firenze. Piero Pelù non può che ritenersi un marito felice, ma anche un papà fiero e un nonno molto fortunato. Piero ha tre figlie, nate da due relazioni precedenti a quella con Gianna Fratta: Greta, classe 1990, e Linda, classe 1995 (e con cui ha festeggiato la laurea qualche tempo fa) sono nate dall’amore della sua prima compagna Rosella, mentre Zoe è nata nel 2004 dall’unione con un’altra ex “fiamma”, Antonella. Con il brano Gigante” e la scritta sul petto nudo “Tu 6 molto di +”, Pelù ha dedicato al nipotino Rocco la sua esibizione e la sua carica da rocker puro sangue. (Continua dopo le foto).













Il piccolo Rocco è nato dalla primogenita Greta e dal marito Luca, con cui vive a Milano. Rocco è nato nel 2017 e tutta l’energia e la felicità del nonno vanno a lui: “La canzone è dedicata a mio nipote Rocco, tre anni, figlio di mia figlia Greta. Ma anche ai ragazzi del carcere minorile di Nisida: storie dure, infanzie negate. È scritta in un linguaggio abbastanza basico, con immagini legate al fantasy. Ma il verso ‘il tuo non è un pianto/ è il tuo primo canto’ l’ho scritto con Erri De Luca. Mio nipote Rocco dovrà abituarsi a far parte di una famiglia di spostati, è così che ci si tempra”, ha commentato il rocker durante a Che tempo che fa. La coppia votata alla musica non può che gioire insieme e continuare a dare il meglio, soprattutto per un nuovo ‘spostato’ della grande famiglia Pelù. (Continua dopo la foto).



La direttrice d’orchestra nonché pianista e da poco moglie dell’imprevedibile rocker, è stata vincitrice di concorsi nazionali e internazionali. Titolare di cattedra di elementi di composizione al Conservatorio Umberto Giordano di Foggia non può che essere una valida spalla anche per la vita musicale del marito. Ma ovviamente la sua formazione è sempre stata diversa rispetto a quella di Piero, che “compone a orecchio e conosce a malapena un giro armonico sulla chitarra”. Direttrice artistica della stagione Musica Civica, otto conversazioni tra suoni e parole fin dalla sua nascita, direttore principale dell’ApuliaEnsemble, e pianista dell’Ensemble Umberto Giordano: Piero Pelù ha fatto bingo. Infatti Gianna è riuscita a fare ricredere il diablo sullo spinoso tema del matrimonio. (Continua dopo le foto).

In Gioconda,Piero Pelù cantava: l’anello no, non te lo do, scordatelo”; invece non solo lo ha dato, ma lo ha anche ringraziato promettendo davanti a tutti il suo eterno amore per la direttrice d’orchestra. Lei è bellissima e insieme creano una coppia esplosiva. Non sempre i simili si attraggono ed è questo il caso di dirlo: il diablo ha messo la testa al suo posto e adesso, al suo fianco, ha anche una professoressa di musica pronto a bacchettarlo all’occorrenza. Ma siamo certi che Piero Pelù non perderà mai la sua unicità; Gianna ha detto il suo ‘si’ consapevole di avere al suo fianco un toro loco puro sangue. “Ok, non è famoso come me, non ha cantato al ‘Giordano’ e non si è vestito tutte le sere rosso-nero. Eppure vi chiedo di votarlo. Si chiama Piero Pelù, stasera farà venire giù il teatro Ariston, è un rocker e ha qualcosa a che fare con Foggia e col mercato Rosati”. Questo appello di Gianna la dice lunga.

“Ecco chi ha stuprato mia madre”. Rula Jebreal: dopo il monologo choc a Sanremo, la verità

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it