“Succedeva spesso”. Sara Arfaoui confessa, adesso viene fuori tutto il suo dolore


L’Eredità è iniziato solo quattro mesi fa e il suo nome è già sulla bocca di tutti. Sara Arfaoui è una donna dalla bellezza disarmante e stupisce apprendere che ha solo 24 anni. Il suo è un talento raro e non è passato inosservato al pubblico del game show di Rai Uno. Nata e cresciuta a Nizza da genitori tunisini, Sara confessa di non aver avuto un buon rapporto con il suo corpo. Ha inoltre confessato di avere subìto bullismo per via delle sue labbra grandi.

Un ritocchino estetico? Sara si è sentita chiedere anche questo, seppur abbia detto più volte di non aver mai fatto ricorso al bisturi nonostante il mondo dello spettacolo spesso lo richieda: “Da bambina ero una spilungona dal viso stretto con labbra carnose, frutto delle mie origini tunisine, e dalle gambe secche secche. E tanto bastava perché gli altri miei coetanei mi percepissero come “diversa” e mi bullizzassero” ecco cosa ha dichiarato Sara Arfaoui a Ok Salute. Continua dopo la foto.









Superare questi momenti ha significato per Sara fare affidamento su un’altra donna, che ha eletto come modello da cui apprendere che spesso anzi molto spesso, prestare troppa attenzione ai giudizi altrui non può che rendere più forti le insicurezze e le fragilità. Per Sara, vedere Angelina Jolie sul grande schermo, anche lei ‘segata’ da labbra carnose, è servito ad accettare tanto di se stessa. Dalle parole di Sara si comprende che anche il suo esordio milanese come modella, a soli 18 anni, non è stato un momento facile. Continua dopo la foto.






“Ai provini mi è capitato di ritrovarmi a concorrere con ragazze rifatte. Mi hanno detto che non ero adatta e che dovevo ricorrere alla chirurgia estetica. Invece in altri casi ero tacciata di avere labbra e zigomi rifatti”, sembrava essere una vera e propria persecuzione da cui Sara ha sempre temuto di non potersene liberare. Non sempre è scontato, per chi è vittima di bullismo, comprendere che le logiche che regolano il fenomeno non dipendono dal soggetto in sé, ma da contesti esterni che non sempre possiamo tenere a bada. Continua dopo la foto.



Non nego che in passato, di fronte a tutte queste pressioni, mi sia passato per la testa di rifarmi il décolleté, ma alla fine ho sempre resistito alla tentazione. Questo perché, anche se viene promosso come se fosse un semplice taglio di capelli, si tratta pur sempre di un intervento chirurgico con i relativi rischi e non si sa mai esattamente come il proprio corpo possa reagire all’innesto delle protesi”. Sara è molto chiara e sa bene cosa possa significare diventare un volto noto del mondo dello spettacolo, ma non per questo tenderà più a soffrire per giudizi altrui.

“Al buio”. Barbara D’Urso, brutta disavventura a Dubai: cosa è successo

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it