“Non volevo”. Nuova polemica su Checco Zalone: costretto a chiedere scusa per quelle parole


Momento di certo non positivo per l’attore Checco Zalone, travolto da numerose polemiche ed accusato di essere un razzista per via della sua canzone ‘Immigrato’. A scagliarsi contro di lui era stata la ballerina Heather Parisi: “L’immigrato di Checco Zalone è un concentrato di luoghi comuni che non ha nulla di ironico. Perché l’ironia è altro, l’ironia consiste nel mostrare che è il suo contrario ad essere più credibile del luogo comune”.

In una lunga intervista al ‘Corriere della Sera’ Checco ha voluto dire la sua: “Escludo che qualcuno possa così stupido da pensare davvero che io sia razzista. Non sono razzista nemmeno verso i salentini, che per noi baresi sono i veri terroni”. Il comico ha inoltre approfittato di questa spiacevole situazione creatasi intorno a lui per chiedere scusa alla città di Foggia, visto che ormai qualsiasi sua battuta è interpretata nel peggiore dei modi. Andiamo a vedere cosa ha detto. (Continua dopo la foto)






“Non sono razzista neppure con i foggiani, anche se molti di loro si sono risentiti per una canzone che ho cantato da Fiorello, ‘La nostalgia de bidet: Così proprio ogg’ so’ turnut nella mia Fogg’, la delinquenza, la spazzatura, la poverté, ma finalmente voilà le bidet…Ne approfitto per chiedere scusa ai foggiani: lo giuro, non penso che appartengano ad una razza inferiore…E chiedo scusa pure ai calabresi: nel nuovo film c’è una battuta terribile su Vibo Valentia”. (Continua dopo la foto)








Poi si è passati ad analizzare il suo film, ‘Tolo Tolo’, che uscirà nelle sale cinematografiche il primo gennaio del 2020: “Significa solo solo. La storia di un italiano scappato in Africa, inseguito dai debiti. Nel Paese scoppia una guerra civile. E lui tenta di rientrare in patria, unico bianco tra i profughi. Incontra una donna. E un bambino: Dudù. Ti chiami come il cane di Berlusconi! gli urla”. (Continua dopo la foto)

Alla domanda se gli italiani potranno cambiare idea sul tema immigrazione dopo aver visto il suo film, ha risposto: “Non cambierà nulla, né ho questa ambizione. Però è stata un’esperienza straordinaria. Abbiamo girato in Kenya, in Marocco, a Malta, dove abbiamo ricreato i campi di detenzione libici. Venti settimane di lavoro durissimo. Ieri era il Data-Day”, ha dichiarato Zalone. Infine si è soffermato sull’Italia: “Come la vedo tra dieci anni? Sono ottimista. Credo nel futuro, ho persino affidato qualche soldino alla Banca Popolare di Bari”.

“Aspetta un bambino”. Bianca Atzei, il gossip corre veloce: social scatenati

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it