“Mi ha messo una banana in mano…”. Giorgia Meloni e il siparietto col fidanzato Andrea. Lui racconta tutto


Andrea Giambruno sembra avere le idee molto chiare. Intervistato dal direttore di  Libero, Pietro Senaldi, il 38enne spiega che il suo trasloco da Milano a Roma è avvenuto proprio per rimanere vicino alla fidanzata Giorgia Meloni. Andrea ha rivelato anche alcuni ‘segreti’ per essere un buon politico, appresi direttamente da Giorgia, che per Andrea sembra essere il valido esempio in cui la femminilità sposa bene con l’intelligenza.

Parlando di se stesso afferma: “Sono il classico prototipo del milanese piombato nella Capitale e che si lamenta che non funziona nulla. Roma è un disastro. Buche, siepi, sterpaglie, rifiuti anche lungo le arterie principali. Manca la manutenzione ordinaria. E poi, malgrado sia splendida, la città ormai è incapace di essere attrattiva. Non ci sono eventi, nessuna organizzazione”. In un paese democratico è bene esprimere il proprio punto di vista e Andrea punta subito al sodo: “Quando cominci ad avere successo e le cose vanno bene, acquisti sicurezza. C’è stato uno di livello, è maturata, ora parla bene da leader, è diventata trasversale. Continua dopo la foto.









Andrea crede moltissimo nelle capacità di Giorgia che continua a definire “secchiona”, proprio perché, sempre secondo Andrea “si è saputa costruire il successo mattoncino su mattoncino, preparandosi in maniera maniacale”. Chi meglio di lui può sapere quanta dedizione possa mettere Giorgia nel suo mestiere. Adesso che la coppia si è riunita, Giambruno ha modo di osservare più da vicino il modo di vivere da leader della sua Giorgia. Secondo Andrea, alla domanda secca: “diventerà premier” lui risponde “lo diventerà sicuramente”. Continua dopo la foto.






“Tosta, coerente e leale in una parola sola amabile”, l’intervista ad Andrea si conclude così e non si può che provare piacere, al di là delle posizioni politiche, di fronte a una coppia appagata, felice e unita. Ma Andrea non proverà fastidio nel sapere che il suo nome venga sempre associato a quello della Meloni? “Non mi infastidisce essere associato a Giorgia, però ho la mia personalità e il mio lavoro e non le ho mai chiesto niente. Nella coppia l’uomo sono io, non faccio il mammo, non so neppure fare da mangiare”. Il giornalista autore di Canale 5, si è raccontato, non omettendo dettagli abbastanza stimolanti. Continua dopo la foto.



Ad esempio, fa sorridere apprendere come i due si siano conosciuti: “È stato un colpo di fulmine. Una sera è arrivata da Del Debbio, a Quinta Colonna, dopo una giornata di comizi e aveva fame. La sua portavoce ha tirato fuori dalla borsa una banana, ma dopo due morsi Giorgia è stata chiamata in scena, così me l’ha mollata in mano, scambiandomi per assistente! Diventerà sicuramente la prima premier donna!”. La fiducia che i racconti di Andrea riescono a trasmettere non tradiscono l’immagine della Meloni, sempre ben indaffarata ad azzerare le distanze con il popolo. E poi si sa, lavorando tanto bisogna reintegrare gli zuccheri.

“Sembrate due sorelle”. Ambra Angiolini e la foto con la figlia Jolanda: sono uguali (anche il sorriso)

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it