Giulia De Lellis, la frecciatina è diretta (e velenosa). L’influencer è incontenibile


È una Giulia De Lellis senza filtri quella che si è raccontata sulle pagine del numero di Vanity Fair uscito mercoledì 18 dicembre. L’ex corteggiatrice di Uomini e Donne, ex concorrente del Grande Fratello Vip oggi una delle influencer più famose e richieste del web, ha parlato della sua vita privata e del suo lavoro, tirando una velenosa stoccata contro le colleghe.

Può sembrare facile ma non lo è. Diventare fashion blogger e influencer non è poi così facile come sembra. Ci vuole passione per la moda, uno sponsor che ti aiuti, fantasia, buon gusto e simpatia. Sicuramente negli anni la figura dell’ “esperta di moda e di tendenza” è cambiata. Inizialmente si partiva davvero dal nulla, adesso basta una partecipazione a un programma televisivo per fare di quella persona una star dei social. (Continua a leggere dopo la foto)









Ed è quello che ha fatto Giulia De Lellis, partita da Uomini e Donne e arrivata al secondo posto in fatto di numero di like (4,2 milioni) su Instagram, seconda solo a Chiara Ferragni. Dalla sua partecipazione a un programma televisivo in cui corteggiava il tronista Andrea Damante, la bella romana oggi è testimonial di diversi brand, creatrice di una collezione fatta per Bikini Lovers e scrittrice del libro appena uscito “Le corna stanno bene su tutte. Ma io stavo meglio senza!”. (Continua a leggere dopo la foto)






A chi critica il lavoro delle influencer, Giulia De Lellis risponde lanciando una frecciatina alle colleghe. “La verità? Penso che molte volte abbia ragione. Perché tante mie colleghe, non tutte ma tante, si vendono e basta. Per cinque o diecimila euro sono pronte a sponsorizzare tutto, anche le cose che non amano, anche quelle che non si metterebbero mai. Invece la mia storia insegna altro: empatia e autenticità”. (Continua a leggere dopo la foto)



 

“Non mi offendo se qualcuno mi scambia per superficiale. – ha detto ancora – Mi offendo se qualcuno mi dà della venduta. Io non ho mai mostrato, promosso o esposto qualcosa che non mi convinceva, che non ho provato per prima, che non ho amato io stessa. L’onesta, l’empatia, l’autenticità di quello che faccio mi hanno portato dove sono”.

 

Omicidio Meredith Kercher: Rudy Guede, la notizia gli arriva in carcere. Cosa è successo

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it