Raffaele Sollecito ha una nuova fidanzata: “Con lei è amore vero”. Foto


A 12 anni dall’omicidio di Meredith Kercher, avvenuto nel 2007 a Perugia, Raffaele Sollecito è tornato di recente a parlarne a Open. Come è tristemente noto, la studentessa inglese fu sgozzata nell’appartamento che condivideva con l’americana Amanda Knox e per quel delitto efferato c’è stato un solo condannato in via definitiva, Rudy Guede. Amanda e Raffaele vennero assolti solo dopo un iter giudiziario controverso terminato nel 2015.

“A quella sera ci penso ancora – ha detto Sollecito – Ci sono cicatrici che non andranno mai più via, per 8 anni sono passato per uno spietato killer. Ho perso 8 anni della mia vita di cui 4 passati nel carcere di massima sicurezza (6 mesi in isolamento) in cui sono stato male, ho avuto attacchi di panico e problemi cognitivi. In carcere non è stato facile, per me era un ambiente difficile e pericoloso: ho visto detenuti accoltellarsi per una crostatina, unico dolce a cui potevano aspirare in quel posto”. (Continua dopo la foto)








Ora Raffaele Sollecito lavora come ingegnere informatico e ha una nuova fidanzata. È il settimanale Oggi a pubblicare le foto esclusive nell’ultimo numero in edicola e a raccogliere le confidenze di Raffaele e Andreea Mihaela Gheorghe Burtea, la ragazza romena di 22 anni che, dice lui, “è come se avesse il potere di farmi sentire libero”. “Finalmente riesco a vivere un amore vero, svincolato da qualsiasi preconcetto o pregiudizio. Finalmente ho qualcuno che mi aiuta a guardare davanti a me”. (Continua dopo le foto)






“Se guardo al futuro mi vedo con lei – prosegue Raffaele nell’intervista esclusiva – A luglio 2020 si laurea, il giorno dopo raccoglie armi e bagagli, viene a Milano e andiamo a vivere insieme”. Andreea, invece, rivela a Oggi anche come si sono conosciuti. E innamorati: “Ero in Spagna per l’Erasmus e un giorno un professore mi disse che avevo uno sguardo da Amanda Knox. Non sapevo chi fosse questa Amanda Knox e sono subito andata a vedere su internet. E lì ho scoperto Raffaele. Con tutta la sua storia”. (Continua dopo le foto)



 


“Gli ho scritto un messaggio, lui mi ha risposto e a forza di scriverci è nato il desiderio di sentirci – dice ancora la 22enne – Ci siamo parlati al telefono ed è venuto il desiderio di vederci… Quando Raffaele mi ha invitato a Milano non ho avuto il minimo dubbio”. “Sapevo d’andare alla ventura in una grande città dove non ero mai stata, dove non avevo amici o conoscenti. Raffaele era il mio unico riferimento. Lo conoscevo da poco, ma ero sicura che fosse una persona sensibile, incapace di fare del male, incapace addirittura di concepirlo”, ha concluso.

“Erano nello zaino di Anastasya”. Luca Sacchi, colpo di scena nelle indagini: ora cambia tutto

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it