Che schianto la sorellina di Arisa. Mai vista? Forse no: ecco la bellissima Sabrina


Rosalba Pippa, in arte Arisa, è una delle cantanti più apprezzate del panorama musicale italiano. Arisa impara a cantare da autodidatta studiando le performance di Mariah Carrye e Cèlin Dion. Arisa si diploma al liceo pedagogico e poi svolge svariati mestieri, dalla cameriera alla baby sitter. Nel 2007 vince una borsa di studio per il CET di Mogol.

Un’altra passione di Arisa è la pittura. Una passione di famiglia, visto che una delle sorelle, Sabrina, è una famosa visual artist che lavora, ormai da anni, a Berlino. Oltre a Sabrina, Arisa ha un’altra sorella, Isabella. I nomi della sua famiglia sono le iniziali del nome d’arte che la cantante di Potenza ha scelto. A è l’iniziale del nome del papà Antonio, R è il suo, Rosalba, I e quello della sorella Isabella, mentre l’altra a è l’iniziale del nome della mamma, Assunta Santarsiero. (Continua a leggere dopo la foto)








Recentemente la mamma di Arisa è finita tra tra la lista degli indagati a piede libero nell’inchiesta di Potenza che ha svelato uno scandalo di compravendite di falsi certificati medici e attestati di invalidità che ha fatto già scattare sei arresti e vede coinvolte quaranta persone. Isabella e Sabrina (la sorella più piccola di Arisa) compaiono poco tra i social della cantante. Recentemente, però, una pagina fan dedicata ad Arisa ha pubblicato un video dove l’artista posa insieme a Sabrina. (Continua a leggere dopo la foto)




Le due si somigliano tantissimo, anche se i tratti di Arisa sono un po’ più marcati rispetto a quelli della sorella. Come detto, Sabrina si occupa di arte. È diplomata all’Istituto artistico di Potenza ed è laureata al Politecnico di Milano. È una visual designer e junior graphic designer, e dal 2018 lavora per la Neni Studio di Berlino, azienda che si occupa di strategia della comunicazione visiva che sviluppa contenuti rivolti ai social media. (Continua a leggere dopo la foto)


 

Le accuse alla mamma. Assunta Santarsiero, di 62 anni, di Pignola (Potenza), è tra le 40 persone indagate dai magistrati potentini. L’inchiesta coordinata dalla Procura di Potenza, denominata «Il canto delle sirene», ha coinvolto oltre alla signora Santarsiero altre 39 persone, tra cui molti avvocati e medici, che sarebbero parte integrante nella gestione dei falsi invalidi. Arisa, come sempre, ha stravolto ogni cliché lasciando i suoi “follower” letteralmente di sasso con il suo commento: “Io faccio musica, si è limitata a replicare. Per quanto riguarda tutto il resto, capita in tutti i posti di lavoro di essere criticati e di non essere capiti”. Insomma, della sua mamma, all’anagrafe Assunta Santarsiero, e della ipotetica truffa all’Inps per 24mila euro, Arisa proprio non vuol parlare.

“Miracolo” a Pomeriggio 5. È successo durante il collegamento, Barbara D’Urso: “Porto bene”

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it