‘’È finita, non stiamo più insieme’’. Solo due mesi fa avevano infiammato il gossip: si dicevano innamorati e non facevano altro che postare foto in atteggiamenti romantici. Oggi, però, arriva la doccia fredda. Che peccato…


 

È durata solo due mesi la storia d’amore tra l’attrice Lea Michele, storica ex protagonista della serie tv di successo ‘’Glee’’, e Robert Buckley, 35enne attore americano conosciuto per i ruoli di Kirby Atwood nella serie ‘’Lipstick Jungle’’, per quello di Clayton Evans nel telefilm ‘’One Tree Hill’’ e infine per il personaggio di Major Lilywhite in ‘’iZombie’’. Una rottura comunque ‘’amichevole’’, fanno sapere fonti apparentemente ben informate. 

‘’Hanno scoperto che stanno forse meglio in qualità di ‘amici’, oltre a volersi concentrare sulle rispettive carriere’’, ha detto una fonte vicina alla coppia a Us Weekly. Mentre un’altra ha parlato con la redazione di E News ribadendo come i due siano ancora oggi ‘’amici’’.

(Continua a leggere dopo la foto)



 

 D’altronde Lea e Robert reciteranno insieme in “Dimension 404”, sci-fi drama che li ha visti fianco a fianco sul set nel mese di giugno. Non è quindi un caso se la Michele e Buckley hanno comunque passato insieme il 4 luglio, insieme ad altri amici.

La coppia era venuta a galla nel mese di maggio, con l’attrice di nuovo impegnata dopo i due anni passati al fianco di Matthew Paetz. Storico ex, come dimenticarlo, Cory Monteith, morto nel 2013.

(Continua a leggere dopo la foto)


 “Mi sento davvero bene in questo periodo e sono super-felice. Mi sento, molto, molto, molto fortunata e grata della mia vita in questo momento”, aveva detto Lea durante un’intervista rilasciata a Entertainment Tonight lo scorso maggio. L’attrice si era limitata a dire che ‘’questo è uno dei momenti più belli della mia vita’’ e il merito era tutto di Robert Buckley.

Lea dopo la prematura scomparsa di Corey Monteith, suo compagno di vita e collega in “Glee”, aveva passato un periodo davvero difficile. 

(Continua a leggere dopo la foto)


Cory Monteith, attore canadese noto ai più per il ruolo di Finn nella serie di successo Glee, il 13 luglio del 2013 era stato trovato morto in una stanza dell’hotel Fairmont Pacific Rim diVancouver, e l’autopsia aveva rivelato un mix fatale di eroina e alcool. 

Monteith era stato ricordato anche con una toccante puntata di Glee dal titolo The Quarterback, nella quale la commemorazione della morte del suo personaggio era solo un pretesto per ricordare l’attore. Proprio in quella occasione, i tantifan della serie in giro per il mondo avevano elogiato Lea Michele per la professionalità con la quale aveva girato l’episodio, nonostante l’evidente coinvolgimento emotivo.

‘’Mamma perdonami’’. Gabriel Garko e quella decisione che spezza il cuore della madre: ‘’L’ha scoperto in diretta, non lo sapeva’’. L’attore confessa e spiega il perché del suo gesto