Alfonso Signorini diventa papà? Se ne sta parlando sul web ed è proprio lui a spiegare quello che sta succedendo. Parole commoventi e piene d’amore…


 

Alfonso Signorini è uno stimato giornalista, con una straordinaria carriera e lui stesso ha ammesso più volte di avere una vita soddisfacente con tanti successi e tante persone intorno che ama e da cui è ricambiato. Ma il direttore di “Chi” sente la presenza di un’assenza, avverte la mancanza nella sua vita di una parte fondamentale. In un’intervista a “Libero” il colto e dissacrante opinionista ha aperto il suo cuore e ha ammesso di avere un grande desiderio.

A 52 anni, con un grande carriera e una vita più che soddisfacente, ad Alfonso Signorini manca solo un figlio.
(Continua a leggere dopo la foto)








 


Il desiderio di paternità è grande, ma altrettanto grande è la sua convinzione di non voler ricorrere metodi differenti da quelli naturali, che gli permetterebbero di diventare papà, ovvero l’unione amorosa di un uomo e una donna, a Libero ha dichiarato: “Mi manca un figlio, ma sono contro ciò che non fa parte del corso della natura. Quando ero insegnante al liceo avevo tanti figli. Da professore ho toccato tutte le corde della paternità. Quando avevo la fidanzata e vivevamo insieme volevamo un figlio ma non avevamo il coraggio, non avremmo potuto mantenerlo”.
(Continua a leggere dopo le foto)





Poi spiega come la sua vita sia cambiata e come allo stesso tempo, ironia della sorta, sia sfumata la possibilità: “Adesso potrei mantenere una squadra di calcio, ma la vita è cambiata. L’utero in affitto? Lo lascio a Vendola ma non giudico nessuno, vedendo le foto con il figlio, così piene di amore. Dico solo che non è bello vivere in un Paese che non dice nulla sulle adozioni da parte di coppie, single o gay non importa. Ci sono tanti bambini negli orfanotrofi ma per adottare un figlio bisogna fuggire all’estero”.

Ti potrebbe interessare anche: “Ecco quanto hanno pagato quel bimbo”. Nichi Vendola, polemiche sul figlio con utero in affitto. L’ex governatore: “È una storia d’amore”. Che ne pensate?

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it