“Devo ancora farlo per Pietro”. Kasia Smutniak, la toccante promessa a Taricone


Anche quando faceva la modella – gli italiani l’hanno conosciuta grazie a una celebre campagna pubblicitaria – Kasia Smutniak era diversa dalle altre. Bella senza un filo di trucco, lo sguardo fiero di chi sa quello che vuole. Il 13 agosto compie 40 anni ed è una di quelle donne fortunate che restano ragazze per sempre. Attrice tra le più richieste dal cinema e dalla tv (ha girato film importanti come Caos calmo, Perfetti sconosciuti, Allacciate le cinture, Loro, e fiction di successo come In treatment).

Legata da otto anni a Domenico Procacci, mamma orgogliosa di due figli (Leone, 5 anni, nato dalla relazione col produttore e Sophie, 14, avuta da Pietro Taricone) Kasia ha una vita piena. E per festeggiare i suoi quarant’anni ha deciso di concedersi un anno sabbatico, via dal set. Dopo la scomparsa di Pietro, morto nel 2010 in uno schianto fatale col paracadute, Kasia ha saputo riprendere la sua vita in mano. Ma c’è stato un periodo in cui la vita se la sentiva «sul groppone»: «Ho dovuto imparare a farmela piacere». (Continua a leggere dopo la foto)



Per il suo compleanno, Freeda l’ha intervistata. L’attrice è stata raggiunta in una casa situata in aperta campagna lontana da Roma da dove confessa di essere scappata: “Questa è una casa che ho da 12-13 anni, e io da Roma scappo qui” – ha confessato Kasia in tutta serenità –“Qui non mi trova nessuno, non mi prende neppure il cellulare. Quando vengo qui sistemo, ridipingo, faccio, metto a posto le cose. Mi piace tantissimo fare l’orto, poi ho tantissimi animali (tra cui un dolce asinello di nome Bea ndr). Invito un sacco di amici, questa è una casa grande, che accoglie, mi piace l’energia che c’è qua”. (Continua a leggere dopo la foto)


Kasia Smutniak è felice di quello che fino ad ora è riuscita a realizzare. Tanti sogni realizzati, in particolare uno legato al nome del suo Pietro: “Ne ho realizzati parecchi: avere una famiglia, essere felice, costruire una scuola”. Ma qualche desiderio da portare alla realtà c’è ancora, anzi, ce n’è uno che le sta tanto a cuore: “Normalmente faccio delle liste quando arrivano le date con lo zero come ad esempio 20, 30 e 40. Ci sono le cose che ho fatto e quelle da fare e naturalmente ne aggiungo anche delle nuove perché la scuola (in Nepal fondata con la Pietro Taricone Onlus ndr), per esempio, quando avevo 30 anni non c’era sulla lista. Per quest’anno sulla lista ancora c’è e il sogno è che possa andare avanti“. (Continua a leggere dopo la foto)


 

Ci torna ogni anno, felice di vedere che “i bambini, grandi e piccoli, possono imparare”. Alla figlia Sophie, avuta da quel ragazzo che aveva conquistato il mondo con un reality e col sorriso, ha insegnato l’amore per la vita, a non voltare mai le spalle agli altri. L’anno scorso, per la prima volta, le treccine, il sorriso timido, ha sfilato insieme alla mamma sul red carpet alla Mostra di Venezia; e con la madre, già da piccola era andata in Nepal, dove l’attrice è impegnata da anni in prima persona.

 

Bimbo di 8 anni travolto e ucciso da un’auto, il corpicino trascinato per metri