Ha 24 anni e è uno degli attori più promettenti di Hollywood. Bello, biondo con gli azzurri e un cognome molto molto importante. Il papà infatti è uno dei più grandi artisti viventi. Che dite, si somigliano?


 

Lo avete riconosciuto? Si tratta di Raymond Nicholson, il figlio più giovane del divo di Hollywood Jack, considerato a oggi uno dei più grandi artisti viventi. Nato nel 1992 a Los Angeles, Ray è a sua volta attore, da tempo calca i set cinematografici e molti hanno visto in lui il talento del padre, inimitabile interprete di pellicole cult come “Shining”, uno dei capolavori di Kubrick dove ricopre il ruolo di Jack Torrence, e “Batman” di Burton che gli affidò il ruolo di Joker, lo psicopatico antagonista dell’uomo pipistrello.

(continua dopo la foto)








Ray, oltre che per la bellezza fisica e per l’impressionante somiglianza con l’illustre genitore ha suscitato interesse per un’altra “somiglianza”. Che ci fosse una certa “affinità” – chiamiamola così – tra due mega star di Hollywood come Jack Nicholson e Leonardo DiCaprio infatti era palese ed innegabile già da tanto, grazie alle perfette imitazioni che quest’ultimo riusciva a fare del suo celebre collega riuscendo a sbalordire giornalisti e fotografi; ma Ray si spinge oltre.

 

(continua dopo la foto)






Occhi azzurri, capelli biondi, simmetrie del viso che sembrano fotografati, “piccoli particolari” che, a tutti gli effetti, lo fanno considerare il sosia perfetto di Leo. E i giornali di gossip d’oltreoceano non hanno perso tempo a fare battute su quella che già si è rivelata come una miniera d’oro per creare fotomontaggi e meme che coinvolgono gli amatissimi attori. D’altronde il prezzo da “pagare” per la popolarità è anche questo, e a DiCaprio – che nei giorni scorsi è uscito allo scoperto con la sua nuova fiamma, la modella britannica Roxy Horn – non è mai dispiaciuto essere confrontato con un mostro sacro come Jack Nicholson.

(continua dopo la foto)



Tra l’altro i due hanno lavorato assieme nello splendido “The Departed” di Martin Scorsese, pellicola vincitrice di quattro premi Oscar, nella quale l’alchimia tra le due grandi star è sembrata innegabile.

 

”Per 3 volte ho rischiato di morire”. Leonardo Di Caprio confessa quelle esperienze traumatiche da cui, per fortuna, è uscito vivo: ”La mia paura…”

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it