“Condannata!”. Periodo nero per Ornella Muti, dopo lo sfratto dalla casa romana, arriva un’altra tegola per l’attrice. E la storia, purtroppo per lei, non sembra destinata a finire qui


 

Non c’è pace per Ornella Muti, dopo lo sfratto della figlia Naike da un appartamento romano, arriva una condanna a sei mesi di reclusione e 500 euro di ammenda pecuniaria. Truffa ed induzione al falso ideologico nei confronti di un medico che le aveva firmato un certificato medico falso i reati contestati. I fatti i risalgono al 10 dicembre 2010, quando avrebbe dovuto esibirsi al Verdi – per un cachet di 24 mila euro – con ‘L’ebreo’ di Gianni Clementi. L’attrice, però, aveva dato forfait per una ‘laringotracheite acuta febbrile’, documentata da un apposito certificato, inviato da un medico di Roma. In realtà, Muti – la stessa sera – si è presentata a una cena di beneficenza a San Pietroburgo organizzata da Vladimir Putin alla quale presenziava anche l’attore hollywoodiano premio Oscar, Kevin Costner. Insomma, una bugia bella e buona e, per di più, dalle gambe cortissime viste il numero di fotografi al seguito dell’ex presidente russo, sempre attento a far parlare dei sé. Per la Muti un duro colpo, che tocca la sua immagine ma con i cui i giudici di Appello sono stati comprensivi. (Continua dopo la foto)








La sentenza di primo grado del tribunale di Pordenone era stata infatti più pesante: otto mesi di reclusione e 600 euro di multa per truffa e per aver indotto un medico a commettere un falso ideologico per la realizzazione del suo certificato di malattia. Come riporta il Gazzettino.it, la Corte d’Appello ha riqualificato la truffa in un tentativo, ma nel resto la decisione del tribunale è stata confermata. Alla parte civile, ossia l’Associazione Teatro Pordenone, sono stati riconosciuti 3.600 euro come spese di lite; inoltre, la sospensione condizionale della pena è subordinata al pagamento di una provvisionale di trenta mila euro al teatro Verdi. La difesa ha fatto sapere che l’attrice è molto dispiaciuta. (Continua dopo le foto)




 


 

E che, per lei, è stata una vera doccia fredda perché si aspettava un’assoluzione. I suoi legali hanno già annunciato che proveranno a ribaltare l’esito del processo in Cassazione. Per il teatro, il caso si sarebbe già potuto chiudere, se Muti avesse accettato di pagare la provvisionale al Verdi. Un’ipotesi che l’attrice non sembra intenzionata a percorrere. Bisognerà attendere l’ultimo grado di giudizio, quindi, per sapere come si concluderà la storia. Di sicuro, la gita in Russia è risultata estremamente indigesta all’attrice che se la ricorderà per anni.

Naike Rivelli, ancora lei. La figlia di Ornella Muti ancora hot sui social. Sedere in mostra e nude look da infarto. E i commenti si sprecano

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it