Caso Moncler, Prada contro Report: “Milena Gabanelli? Una stupida”


Si torna a parlare del caso Moncler sollevato da una delle ultime puntate di Report. Stavolta a dire la sua è un altro rappresentante del lusso, settore che traina l’economia e l’immagine del nostro paese all’estero. Non si sottrae al dibattito Patrizio Bertelli, l’amministratore delegato di Prada, secondo il quale portare in televisione il tema dei maltrattamenti causati alle oche per riempire giacche e piumini rientra in una “cultura del passato oramai sorpassata, per questo la Gabanelli è stata stupida”. L’argomentazione di Bertelli è questa e non poteva che essere avversa all’impostazione di Report, anche perché Prada è una delle imprese tirate in ballo dalla trasmissione circa la delocalizzazionie della produzione di diversi marchi importanti del made in Italy: “In questo modo non capisco la distinzione tra una gallina e una balena. Naturale che in un mondo globalizzato una impresa cerchi risorse produttive con costi più contenuti, per esempio in Ucraina o in Slovenia, e non si può impedirlo in un mercato liberale. Questo non vuol dire che noi dobbiamo fare i carabinieri sui produttori ai quali ci affidiamo. Lo stesso discorso vale per Prato, dove il popolo orientale ha trovato una opportunità economica e l’ha sfruttata”.

Choc, ecco cosa si nasconde dentro un piumino Moncler

“Solo piume di qualità”. Moncler si difende, ma il titolo va giù in borsa

Cosa si nasconde dietro i vestiti di H&M? La blogger 17enne svela il segreto